Bce lascia i tassi invariati e prevede un aumento del ricorso al Pepp

La Bce (Banca centrale europea) ha deciso oggi di lasciare invariati i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rispettivamente allo 0%, allo 0,25% e al -0,50%.

A sostegno del suo obiettivo di inflazione simmetrico del 2% e in linea con la sua strategia di politica monetaria, il consiglio direttivo, riunitosi oggi, ha dichiarato di aspettarsi che i tassi di interesse di riferimento della Bce si manterranno su livelli pari o inferiori a quelli attuali finché “non vedrà l’inflazione raggiungere il 2% ben prima della fine del suo orizzonte di proiezione e in maniera durevole per il resto dell’orizzonte di proiezione, e finché non riterrà che i progressi conseguiti dall’inflazione di fondo siano sufficientemente avanzati da essere coerenti con lo stabilizzarsi dell’inflazione sul 2% nel medio periodo”. Ciò inoltre “può comportare un periodo transitorio in cui l’inflazione si colloca su un livello moderatamente al di sopra dell’obiettivo”.

Decisioni di politica monetaria

Nel suo recente riesame della strategia il consiglio direttivo ha stabilito un obiettivo di inflazione simmetrico del 2% a medio termine. I tassi di interesse di riferimento della Bce si collocano in prossimità del limite inferiore da qualche tempo e le prospettive di inflazione nel medio periodo sono ancora ben al di sotto dell’obiettivo del consiglio direttivo. In questa situazione, il consiglio direttivo ha rivisto oggi le indicazioni prospettiche (forward guidance) sui tassi di interesse, al fine di riaffermare il proprio impegno a preservare un’intonazione di politica monetaria persistentemente accomodante per conseguire il proprio obiettivo di inflazione.

Ricorso al Pepp salirà nel terzo trimestre

Avendo confermato la propria valutazione di giugno sulle condizioni di finanziamento e sulle prospettive di inflazione, il consiglio direttivo seguita ad attendersi che in questo trimestre gli acquisti nel quadro del Programma di acquisto per l’emergenza pandemica (Pandemic emergency purchase programme, Pepp) saranno condotti a un ritmo significativamente più elevato rispetto ai primi mesi dell’anno.

Il consiglio direttivo ha inoltre confermato le altre misure intese a sostenere il suo mandato di stabilità dei prezzi, ovvero il livello dei tassi di interesse di riferimento della Bce, gli acquisti del Programma di acquisto di attività (Paa), le politiche di reinvestimento e le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine.

Programma di acquisto di attività prosegue a un ritmo di 20 mld al mese

Gli acquisti netti nell’ambito del Paa proseguiranno a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro. “Il consiglio direttivo seguita ad attendersi che gli acquisti netti mensili del Paa saranno condotti finché necessario a rafforzare l’impatto di accomodamento dei suoi tassi di riferimento e che termineranno poco prima che inizierà a innalzare i tassi di riferimento della Bce”, precisa la Banca centrale europea in un comunicato.

Il consiglio direttivo intende inoltre continuare a reinvestire, integralmente, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del Paa “per un prolungato periodo di tempo successivamente alla data in cui inizierà a innalzare i tassi di interesse di riferimento della Bce, e in ogni caso finché sarà necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario”.

Pepp avanti fino a fine marzo 2022

Il consiglio direttivo continuerà a condurre gli acquisti netti di attività nell’ambito del Pepp, con una dotazione finanziaria totale di 1.850 miliardi di euro, almeno sino alla fine di marzo 2022 e, in ogni caso, finché non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus.

Le informazioni pervenute hanno confermato la valutazione congiunta delle condizioni di finanziamento e delle prospettive di inflazione svolta nella riunione di politica monetaria di giugno; pertanto, il consiglio direttivo seguita ad attendersi che in questo trimestre gli acquisti nell’ambito del Pepp saranno condotti a un ritmo significativamente più elevato rispetto ai primi mesi dell’anno – prosegue la nota -. Il consiglio direttivo condurrà gli acquisti in maniera flessibile in base alle condizioni di mercato, allo scopo di evitare un inasprimento delle condizioni di finanziamento incompatibile con il contrasto dell’effetto al ribasso della pandemia sul profilo previsto per l’inflazione”. In aggiunta, la flessibilità degli acquisti nel tempo, fra le varie classi di attività e i vari paesi continuerà a sostenere l’ordinata trasmissione della politica monetaria. Se le condizioni di finanziamento favorevoli possono essere mantenute mediante flussi di acquisti di attività che non esauriscano la dotazione nell’orizzonte degli acquisti netti del Pepp, non sarà necessario utilizzare appieno la dotazione. Allo stesso modo, questa può essere ricalibrata, se richiesto, per preservare condizioni di finanziamento favorevoli che contribuiscano a contrastare lo shock negativo della pandemia sul profilo dell’inflazione.

Operazioni di rifinanziamento

Il consiglio direttivo continuerà a fornire abbondante liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento. In particolare, la terza serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (Omrlt-III) resta per le banche una fonte di finanziamento interessante, a sostegno del credito bancario alle imprese e alle famiglie.