Bce: non solo tassi di interesse, le altre decisioni del Consiglio direttivo

44

Bce Banca Centrale EuropeaLa Banca centrale europea (Bce) ha comunicato oggi le altre decisioni assunte dal consiglio direttivo nel mese di gennaio. Si tratta di decisioni in tema di politica monetaria, operazioni di mercato e vigilanza bancaria.

Politica monetaria

Avvio del riesame della strategia di politica monetaria della BCE

Il 23 gennaio il consiglio direttivo ha deciso di intraprendere un riesame della strategia di politica monetaria della Bce, adottata nel 1998 e ulteriormente chiarita nel 2003. 

Operazioni di mercato

Riesame annuale degli elenchi dei mercati non regolamentati ammissibili, delle agenzie e delle banche multilaterali di sviluppo e organizzazioni internazionali riconosciute nell’ambito del sistema di garanzie dell’Eurosistema

A seguito del riesame annuale, il 7 gennaio il consiglio direttivo ha deciso di lasciare invariato l’elenco dei mercati non regolamentati ammissibili per le attività stanziabili in garanzia nelle operazioni di politica monetaria dell’Eurosistema e di includere nell’elenco armonizzato delle agenzie Action Logement Services, CDC Habitat, Île-de-France Mobilités, IN’LI e Investitionsbank des Landes Brandenburg, che diventano così idonee nell’ambito del programma di acquisto per il settore pubblico. Il consiglio direttivo ha inoltre deliberato l’applicazione di scarti di garanzia più prudenti a due agenzie già ammesse (Caisse des dépôts et consignations e Instituto de Crédito Oficial) che per il periodo in rassegna non hanno soddisfatto i criteri quantitativi per poter beneficiare di scarti inferiori. Infine, ha stabilito di armonizzare l’elenco delle banche multilaterali di sviluppo e organizzazioni internazionali con il novero dei soggetti riportati all’articolo 117, paragrafo 2, e all’articolo 118 del Regolamento (UE) n. 575/2013 sui requisiti patrimoniali. Di conseguenza, la Banca asiatica di investimento per le infrastrutture e l’Associazione internazionale per lo sviluppo figurano ora fra le banche multilaterali di sviluppo riconosciute, mentre la Società europea per il finanziamento di materiale ferroviario non compare più fra le organizzazioni internazionali ammissibili. Tutti elenchi, debitamente aggiornati il 10 gennaio, sono disponibili nel sito Internet della BCE.

Pareri su proposte di disposizioni legislative

Parere della BCE sulle limitazioni ai pagamenti in contanti nei Paesi Bassi

Il 30 dicembre 2019 il consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2019/46, richiesto dal ministro delle finanze dei Paesi Bassi.

Parere della BCE relativo alla legge sulla difesa nazionale in Estonia

Il 7 gennaio il Consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/2, formulato su richiesta del ministero della giustizia estone.

Parere della Bce in merito alle misure per la riduzione dei rischi macroprudenziali derivanti dai mutui relativi a immobili residenziali in Germania

L’8 gennaio il consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/1, richiesto del ministero federale tedesco delle finanze.

Parere della BCE relativo al risanamento e alla risoluzione delle controparti centrali in Germania

Il 14 gennaio il consiglio direttivo ha adottato il Parere CON/2020/3, formulato su richiesta del ministero federale tedesco delle finanze.

Vigilanza bancaria

Risultati aggregati e metodologia dello SREP

Il 3 gennaio il consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni in merito alla proposta del consiglio di vigilanza di pubblicare i risultati aggregati del processo di revisione e valutazione prudenziale (Supervisory Review and Evaluation Process, SREP) condotto nel 2019. Un documento che presenta in sintesi gli esiti dell’esercizio 2019 in forma di punteggi SREP aggregati rispetto al ciclo 2018, i requisiti aggregati di capitale primario di classe 1 (Common Equity Tier 1, CET1) e altri aspetti relativi alle misure SREP dovrebbe essere divulgato il 28 gennaio, unitamente al relativo comunicato stampa, nel sito Internet della BCE dedicato alla vigilanza bancaria.

Il 16 gennaio il Consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni riguardo alla proposta del Consiglio di vigilanza concernente il testo sulla metodologia SREP, che sarà reso noto il 28 gennaio nel sito internet della Bce dedicato alla vigilanza bancaria.

Avvio della consultazione pubblica semplificata sul progetto di indirizzo della BCE concernente la soglia per la valutazione della rilevanza di obbligazioni creditizie in arretrato

Il 3 gennaio il consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni in merito alla proposta del consiglio di vigilanza di avviare una consultazione pubblica semplificata sul progetto di indirizzo della Bce sull’esercizio della discrezionalità ai sensi dell’articolo 178, paragrafo 2, lettera d), del Regolamento (UE) n. 575/2013, da parte delle autorità nazionali competenti in relazione a enti meno significativi per quanto riguarda la soglia per la valutazione della rilevanza di obbligazioni creditizie in arretrato. L’obiettivo dell’indirizzo è assicurare l’esercizio coerente di opzioni e discrezionalità in relazione sia agli enti significativi sia agli enti meno significativi, ove opportuno. La consultazione pubblica ha avuto inizio il 20 gennaio. Un comunicato stampa in merito è reperibile, insieme alla documentazione attinente, nel sito Internet della Bcededicato alla vigilanza bancaria.

Raccomandazione della BCE del 2020 sulle politiche di distribuzione dei dividendi e lettere di accompagnamento alle banche concernenti le politiche di remunerazione

Il 17 gennaio il consiglio direttivo non ha sollevato obiezioni in merito alla proposta del consiglio di vigilanza di adottare la Raccomandazione BCE/2020/1 sulle politiche di distribuzione dei dividendi e di approvare le lettere di accompagnamento sulle politiche di remunerazione indirizzate alle banche. La raccomandazione e le lettere sono disponibili nel sito Internet della Bce dedicato alla vigilanza bancaria.