La Bce chiede più poteri di regolamentazione sugli strumenti finanziari

BceIl consiglio direttivo della Banca centrale europea ha inviato una raccomandazione al Parlamento europeo e al Consiglio di Bruxelles concernente la modifica dell’articolo 22 dello statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Bce.

In seguito alla modifica, l’articolo 22 reciterebbe: “La Bce e le banche centrali nazionali possono accordare facilitazioni, e la Bce può stabilire regolamenti, al fine di assicurare sistemi di compensazione e di pagamento e sistemi di compensazione per strumenti finanziari efficienti e affidabili all’interno dell’Unione e nei rapporti con i paesi terzi”.

La modifica attribuirebbe alla Bce una chiara competenza giuridica in materia di compensazione centrale, gettando le basi per l’esercizio da parte dell’Eurosistema dei poteri previsti per le banche centrali emittenti moneta nel contesto della revisione del regolamento sulle infrastrutture del mercato europeo (European Market Infrastructure Regulation, Emir) proposta dalla Commissione europea.

Tali poteri includono un significativo rafforzamento del ruolo delle banche centrali di emissione nel sistema di vigilanza delle controparti centrali (central counterparties, Ccp), in particolare per quanto riguarda il riconoscimento e la vigilanza delle Ccp di rilevanza sistemica di paesi terzi che compensano un ammontare significativo di operazioni denominate in euro.

In seguito alle modifiche proposte al quadro dell’Emir, l’Eurosistema sarà in grado di continuare ad assolvere il proprio ruolo di banca centrale di emissione per la moneta unica. Le modifiche permetteranno all’Eurosistema di monitorare e affrontare i rischi associati alle attività di compensazione centrale suscettibili di influenzare la conduzione della politica monetaria, il funzionamento dei sistemi di pagamento e la stabilità dell’euro.

La Bce chiede più poteri di regolamentazione sugli strumenti finanziari ultima modifica: 2017-06-23T12:19:04+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: