BCE, tassi ancora all’1%. Probabili rialzi ad aprile

Lo scorso 3 marzo la Banca Centrale Europea ha lasciato invariati i tassi di interesse ma il presidente Jean Claude Trichet ha parlato di un possibile aumento per il prossimo mese.

E ha confermato le misure di politica monetaria non convenzionali.

I tassi
Il costo del denaro resta dunque fermo all’1% per il 22esimo mese consecutivo, così come il tasso sui depositi (0,25%) e il tasso sui prestiti marginali (1,75%). Secondo quanto dichiarato dal numero uno dell’Eurotower la decisione non è ancora stata presa e “dipenderà dai dati economici che man mano giungeranno”, soprattutto riguardo all’inflazione. Si prevede dunque un aumento dello 0,25%, che farà arrivare i tassi all’1,25%, con un aumento del 25% rispetto ai livelli correnti.
In Europa i prezzi al consumo nel 2011 dovrebbero salire mediamente al 2,3%, rispetto all’1,8% previsto in precedenza, mentre nel 2012 si scenderebbe all’1,7% (rispetto all’1,5%).

Le misure non convenzionali
La Bce nella stessa sede ha inoltre confermato fino a fine giugno le misure non convenzionali di politica monetaria: le operazioni di finanziamento a tre mesi del sistema bancario resteranno a tasso fisso e per importi illimitati. Lo stesso accadrà fino al 12 di luglio alle operazioni principali di finanziamento a breve termine.

I rischi
Sono preoccupate le associazioni dei consumatori. In particolare, il Codacons sottolinea come “se l’abbassamento dei tassi di interesse legati alla crisi aveva dato respiro alle famiglie indebitate, un rialzo di un quarto di punto metterebbe in difficoltà con il pagamento delle rate almeno 30.000 famiglie che attualmente riescono invece ad onorare ancora i loro debiti”. Per questo chiede al ministro Tremonti di “rivedere il decreto 21 giugno 2010, n. 132, ampliando le condizioni necessarie per poter sospendere il pagamento delle rate, a cominciare da quella di aver avuto un aumento di rata mensile di almeno il 20%”.
L’associazione denuncia infatti un aumento del tasso Euribor a 3 mesi, salito all1,162%, ai massimi da giugno 2009. E ritiene che si tratti della “prima nefasta conseguenza dell’annuncio del presidente della Bce. Figurarsi cosa potrà accadere quando si passerà dagli annunci ipotetici ai rialzi effettivi”.

BCE, tassi ancora all’1%. Probabili rialzi ad aprile ultima modifica: 2011-03-07T08:05:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: