Bce: tassi fermi all’1,5%, ma la crescita resta modesta. Il monito di Trichet

 

La Bce oggi ha lasciato i tassi fermi all’1,5%, alzati di 25 punti lo scorso 7 luglio, mentre il consiglio direttivo dell’Eurotower ha deciso di lasciare invariato anche il tasso sui depositi allo 0,75% e quello marginale al 2,25%.

Per quanto riguarda l’Italia, Trichet ha guardato con ottimismo alla manovra in via di approvazione, ma ha esortato i nostri politici al rispetto degli impegni. “Abbiamo la conferma dell’applicazione delle nostre richieste – ha detto Trichet –.Avevamo mandato un messaggio all’Italia attraverso il governatore Mario Draghi: l’ultima decisione del governo e il voto del Parlamento stanno confermando quello che per il consiglio direttivo è molto importante, e cioè un primo impegno del governo italiano. Resta però fondamentale rispettare gli impegni”.

A dir la verità l’invito a rispettare gli impegni è stato rivolto a tutti i governi dell’area euro: “Tutti i governi hanno annunciato misure aggiuntive per rafforzare le basi legali delle regole di bilancio – ha sottolineato il governatore – ora è cruciale che queste misure vengano pienamente attuate, soprattutto sul fronte del contenimento della spesa”.

Trichet ha cercato infine dare rassicurazioni sul fronte banche: “Non c’è un problema di liquidità per il settore bancario europeo – ha sottolineato –. La Bce sta fornendo liquidità illimitata, il cui approvvigionamento e le operazioni di rifinanziamento continueranno a far sì che le banche dell’Eurozona non abbiano limitazioni a tal proposito”.

Bce: tassi fermi all’1,5%, ma la crescita resta modesta. Il monito di Trichet ultima modifica: 2011-09-08T16:42:04+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: