Bce: tassi invariati allo 0,75%. Viste al ribasso le stime sul Pil per il biennio 2013-2014

Il consiglio direttivo della Banca centrale europea ha deciso di lasciare invariati i tassi allo 0,75%. “La debolezza economica si è protratta a inizio 2013 – ha sottolineato il governatore Mario Draghi – mentre si confermano segnali di stabilizzazione a livelli bassi”. In questo contesto la politica monetaria della Bce resterà “accomodante”.


Secondo le previsioni degli esperti dell’istituto di Francoforte, l’economia dell’Eurozona è destinata a restare debole nella prima parte del 2013, con una graduale ripresa che dovrebbe manifestarsi nella seconda metà dell’anno. Gli economisti della Bce ritengono che l’Europa stia facendo i conti con “un’implemetazione troppo lenta della riforme” che “argina il recupero della fiducia e dunque rallenta la ripresa”. Per queste ragioni l’Eurotower ha rivisto al ribasso le stime di crescita del Pil per il biennio 2013-2014, portandole tra meno 0,9% e meno 0,1% per l’anno in corso e fra 0 e 2% per il prossimo.

Tra le priorità dei governi dell’Area euro, ha spiegato Draghi durante la conferenza stampa successiva alla riunione del consiglio direttivo, deve essere inserita la lotta alla disoccupazione. “Il risanamento – ha dichiarato l’ex numero uno della Banca d’Italia – deve far parte di un’agenda di riforme strutturali che puntino alla liberalizzazione del mercato dei beni e dei servizi, in modo da stimolare la creazione di posti di lavoro e creare un ambiente economico dinamico e competitivo”.

Durante la riunione dell’organo decisionale dell’istituto è stata “evocata” la possibilità di tagliare i tassi, di fronte alla quale ha però prevalso la decisione di lasciarli fermi, dato che a febbraio la crescita dei prezzi nell’Eurozona “è continuata a calare ed è scesa sotto il 2%, mentre le spinte inflazionistiche dovrebbero restare contenute”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Bce: tassi invariati allo 0,75%. Viste al ribasso le stime sul Pil per il biennio 2013-2014 ultima modifica: 2013-03-07T14:56:12+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: