Bce, tassi invariati. Da aprile gli acquisti di bond caleranno a 60 miliardi

BceIl consiglio direttivo della Banca centrale europea ha stabilito nella riunione odierna di lasciare invariati i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali e sulle operazioni di rifinanziamento marginale, che resteranno dunque rispettivamente allo 0%, allo 0,25% e al meno 0,40%.

Il consiglio prevede che i tassi di interesse di riferimento della Bce si manterranno su livelli pari o inferiori a quelli attuali per un prolungato periodo di tempo e ben oltre l’orizzonte degli acquisti netti di attività. Quanto alle misure non convenzionali di politica monetaria, il consiglio ha confermato che continuerà a condurre gli acquisti nell’ambito del programma di acquisto di attività (Paa) all’attuale ritmo mensile di 80 miliardi di euro sino alla fine di questo mese e che da aprile intende proseguire gli acquisti netti a un ritmo mensile di 60 miliardi di euro sino alla fine di dicembre 2017 o anche oltre se necessario, e in ogni caso finché non riscontrerà un aggiustamento durevole dell’evoluzione dei prezzi, coerente con il proprio obiettivo di inflazione.

Contestualmente agli acquisti netti sarà reinvestito il capitale rimborsato sui titoli giunti a scadenza acquistati nel quadro del Paa. Se le prospettive diverranno meno favorevoli o se le condizioni finanziarie risulteranno incoerenti con ulteriori progressi verso un aggiustamento durevole del profilo dell’inflazione, il consiglio è pronto a incrementare il programma in termini di entità e/o durata.

Secondo il presidente della Bce, Mario Draghi, la ripresa “sembra guadagnare spinta” e l’inflazione nominale “è di nuovo aumentata in larga misura per i prezzi energetici e alimentari”, sebbene “l’inflazione di base continua a essere debole”.

La banca centrale europea ha alzato all’1,7% dall’1,3% la stima d’inflazione per il 2017, e a 1,6% da 1,5% quella per il 2018. La stima sul 2019 è stata invece confermata all’1,7%.

per quanto riguarda le previsioni di crescita la Bce valuta che nell’Eurozona il Pil salirà dell’1,8% nel 2017, dell’1,7% nel 2018 e dell’1,6% nel 2019. Rispetto a dicembre le stime sono state riviste in leggero rialzo di 0,1 punti percentuali per il 2017 e per il 2018.

Bce, tassi invariati. Da aprile gli acquisti di bond caleranno a 60 miliardi ultima modifica: 2017-03-09T16:40:23+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA