Bce, tassi invariati. Draghi: “Pronti a nuove misure di politica monetaria se necessarie”

BceNella riunione di oggi il consiglio direttivo della Banca centrale europea ha deciso che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,05%, allo 0,30% e al meno 0,30%.

Nella consueta conferenza stampa svoltasi al termine del direttivo il governatore Mario Draghi ha spiegato che “i tassi di interesse rimarranno agli attuali livelli o a un livello più basso per un lungo periodo. Le misure annunciate a tutt’oggi, compresa la revisione decisa a inizio dicembre (quando è stato tagliato il tasso sui depositi, ndr), stanno funzionando, ma i rischi emersi nel frattempo, soprattutto sul fronte dell’inflazione, rendono necessaria una valutazione e, forse, una revisione” della strategia di politica monetaria nell’incontro in programma il 10 marzo.

“La Bce – ha continuato Draghi – è pronta ad agire e a mettere in campo tutti gli strumenti a sua disposizione entro il suo mandato per raggiungere l’obiettivo di un tasso d’inflazione vicino al 2%. È chiaro che stiamo adattando i nostri strumenti alle condizioni che cambiano, stiamo facendo tutto quello che è necessario per il nostro mandato: non ci arrendiamo”. 

Draghi ha inoltre sottolineato che sarà compito dell’istituto che dirige di “assicurare che ci siano tutte le condizioni tecniche per rendere pronta all’implementazione, se necessario, un’ampia gamma di opzioni di politica monetaria”.

Commentando la situazione economica dell’Euro Zona, l’ex governatore della Banca d’Italia ha sottolineato che “all’inizio del nuovo anno i rischi al ribasso sono incrementati ancora a causa dell’aumentata incertezza sulle prospettive di crescita delle economie dei Paesi emergenti, della volatilità sui mercati finanziari e delle materie prime e dei rischi geopolitici”.

 

Bce, tassi invariati. Draghi: “Pronti a nuove misure di politica monetaria se necessarie” ultima modifica: 2016-01-21T17:59:03+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: