Bce, Weber: tassi potrebbero salire all’1,75% nel 2011

La mossa sarebbe giustificata dalla crescita dell’inflazione, che è superiore alle previsioni.

In un articolo pubblicato sul Corriere della Sera, Lorenzo Bini Smaghi, membro del comitato esecutivo dell’Eurotower, ha illustrato i quattro motivi per i quali il costo del denaro deve tornare a salire.

La prima causa è la politica monetaria troppo espansiva: mantenere i tassi di interesse a un livello basso per molto tempo “crea un eccesso di liquidità che induce gli operatori ad aumentare la leva finanziaria, a sottostimare il rischio e a favorire strategie d’investimento imprudenti”.
La seconda risiede nel probabile aumento dei prezzi dei manufatti importati da Asia e America Latina, dove sono cresciuti sia il costo delle materie prime che i salari dei lavoratori. La terza nasce dal fatto che l’obiettivo di mantenere un tasso d’inflazione complessivo entro il 2% annuo richiede che “i prezzi di beni e servizi prodotti nei paesi industriali aumentino a un ritmo prossimo più all’1% che al 2%”. Infine, Bini Smaghi ritiene che dopo “fasi recessive come quelle da cui stanno uscendo attualmente i paesi avanzati, con caratteristiche di natura non solo ciclica ma anche strutturale” il potenziale di crescita economica rimanga “debole per un certo periodo di tempo e le pressioni inflazionistiche interne tendano a manifestarsi prima del previsto”.

Rimandare la decisione rischierebbe dunque di far lievitare il grado di espansione monetaria.

Bce, Weber: tassi potrebbero salire all’1,75% nel 2011 ultima modifica: 2011-03-09T08:01:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: