Bergamo, pubblicato l’Osservatorio Fiaip sui prezzi degli immobili

Il mercato delle compravendite e delle locazioni è stato messo sotto la lente per tipologia, ubicazione e stato della conservazione degli immobili. Sono stati individuati i vari tipi di contratti e la loro conclusione, anche con riferimento al credito e alla tipologia della clientela, individuando il numero delle transazioni e delle locazioni concluse tramite l’attività degli agenti immobiliari.
I dati provengono dalla rete informativa composta da 300 associati Fiaip titolari di agenzia, rielaborati dal Comitato tecnico-scientifico con i coordinatori di zona, per essere armonizzati dalla Sezione statistica.

Nel 2010 sono scesi per il terzo anno consecutivo i prezzi medi delle compravendite a Bergamo: il calo è stato del 7% per  le abitazioni, del 10% per gli immobili commerciali, del 13,33% per il segmento direzionale e del 12,78%. “Il 56,11% degli acquirenti bergamaschi comprano casa con il mutuo, percentuale che sale al 92,25% nel segmento degli extracomunitari. Il 31,89% degli acquirenti permuta la sua abitazione” si legge nell’analisi. Cauto ottimismo è stato espresso dagli agenti immobiliari. Le previsioni per il 2011 indicano timidi segnali di ripresa e un miglioramento per le compravendite ad uso residenziale, con particolare attenzione alle aree centrali della città, mentre nelle zone semicentrali e periferiche il mercato potrebbe mantenersi sostanzialmente stazionario. Aumentano le richieste degli affitti ad uso abitativo.

Il tempo medio di vendita degli immobili ad uso abitativo si conferma tra i 6 e i 9 mesi per il 42,78%. Ancora alta la percentuale di coloro che ricorrono al sistema creditizio: più della metà delle compravendite concluse (56,11%) avviene con il ricorso al mutuo, mentre aumenta la quota di chi compra esclusivamente con mezzi propri (12%) e permutando il suo vecchio alloggio (31,89%). “Nel segmento degli acquirenti extracomunitari, torna ad aumentare la quota di chi compra casa con il mutuo, pari al 92,25%, segnale di una cauta ripresa delle erogazioni da parte del sistema bancario” prosegue l’approfondimento.

Le previsioni per il 2011 indicano un sostanziale miglioramento dell’andamento delle compravendite degli immobili ad uso abitativo, con particolare attenzione alle aree centrali della città e forti attese sulla fascia semicentrale, mentre si prevede un andamento stazionario nelle periferie. I dati raccolti per il comparto residenziale ipotizzano una sostanziale stazionarietà dei tempi di vendita degli immobili residenziali, che potrebbero subire qualche allungamento in periferia.

A quanti ci chiedono conferma della preminenza del real estate nella protezione dei risparmi di famiglie e consumatori – ha dichiarato Giuliano Olivati, presidente Fiaip Bergamorispondiamo con una domanda: quale altro investimento consente di raddoppiare il capitale in 10 anni (con una crisi in mezzo), traendone anche un ottimo reddito attraverso la locazione o un risparmio (reddito figurativo) in caso di uso diretto?”.

Bergamo, pubblicato l’Osservatorio Fiaip sui prezzi degli immobili ultima modifica: 2011-04-07T07:02:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: