Bibanca nomina il nuovo cda e assume giovani professionisti sardi

Bibanca LogoBibanca ha chiuso il 2020 con un utile netto di 13,6 milioni di eruro, in crescita del 49,1% al risultato del precedente esercizio 2019, quando si è attestato a 9,1 milioni. Lo ha reso noto oggi l’istituto di credito, precisando che la ripartizione degli utili deliberata prevede l’assegnazione del dividendo pari a 0,15 euro per azione.

Crediti alla clientela

I crediti alla clientela raggiungono la cifra di 1.436 milioni (+12,0% rispetto all’esercizio 2019). Bibanca ha erogato nel 2020 finanziamenti per complessivi 542 milioni, nelle diverse forme di prestiti personali, cessioni del quinto e carte rateali.

Andamento reddituale

L’andamento reddituale mostra un significativo progresso rispetto all’esercizio precedente, con il margine di interesse che arriva a 48,3 milioni (+11,0%), quello di intermediazione a 66,5 milioni (+8,7%) e con i costi operativi (40,1 milioni) che diminuiscono complessivamente dell’1,1%.

Le sofferenze

Il rapporto delle sofferenze nette sul totale dei finanziamenti alla clientela si mantiene su livelli estremamente contenuti (0,17% nel 2020 a fonte dello 0,12% nel 2019). Complessivamente i crediti deteriorati netti in rapporto agli impieghi risultano pari al 2,2% (1,8% nel 2019).

Il cost/income (rapporto fra costi operativi e ricavi caratteristici) si riduce ulteriormente posizionandosi sul livello del 55,5% (era pari al 57,9% nel dicembre 2019).

L’utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte è pari a 20,4 milioni ed evidenzia una crescita del 41,3% rispetto al risultato del 2019 (pari a 14,4 milioni).

Il nuovo cda

L’assemblea ha, inoltre, confermato i consiglieri Mario Mariani ed Eugenio Garavini, nominati dal consiglio di amministrazione neo insediato rispettivamente presidente e vice presidente, Giuseppe Cuccurese, Gianluca Formenton e Carlo Barbarisi. Sono stati nominati, infine, due nuovi consiglieri: Angela Mameli (già vice presidente, fino al 2020, della Fondazione di Sardegna) e Michele Luciano Campanardi (chief lending officer di Bper Banca).

Il programma di assunzioni

La nomina del consiglio, con la conferma di Mario Mariani alla carica di presidente per il prossimo triennio, dà un segnale di conferma della profonda trasformazione iniziata da Bibanca nel 2020 con il cambio del nome, e offre spunti di riflessione sulle capacità e sulle opportunità di sviluppo che il territorio sardo può offrire anche in ottica nazionale”, si legge in un comunicato stampa.

Da questo presupposto muove l’attuale programma di assunzioni, nell’ambito degli accordi sindacali siglati dalla capogruppo per il Piano Industriale 2021. Il programma prevede, attraverso un rigoroso processo selettivo, l’inserimento di circa 50 giovani sardi, selezionati anche tra coloro che avendo avuto esperienze professionali fuori dall’isola desiderano ritornare in Sardegna. “Potranno portare in azienda competenze, entusiasmo e capacità di entusiasmare, lavorando in un contesto innovativo, giovane e orientato alla diversity – conclude la nota -. Tanto è stato fatto, ma ancora tanto si deve realizzare. Il fabbisogno di risorse esterne alla realtà bancaria è ancora vivo, sono circa 30 le persone ancora da inserire negli ambiti legal, compliance, finance, human resourses e operation. Persone che abbiano caratteristiche professionali orientate all’innovazione e alla collaborazione, che possano facilitare il processo di cambiamento profondo indispensabile affinché Bibanca continui nel suo percorso di sviluppo del business con soluzioni semplici, efficienti, digitali e orientate alla customer experience”.