Bnp Paribas Cardif, gli studenti universitari si sfidano nel contest #TheIdea4U

Bnp Paribas Cardif LogoContinua il percorso di open innovation di Bnp Paribas Cardif. Dopo il successo di [email protected], la call4ideas paneuropea rivolta alle start-up che a breve vedrà il lancio della quarta edizione, la compagnia ha voluto trasferire questa esperienza positiva coinvolgendo direttamente gli studenti delle università italiane: giovani, motivati, creativi, non ancora influenzati dagli schemi e dalle logiche tipiche dell’ambiente lavorativo, ma soprattutto nativi digitali.

Nasce così il contest #TheIdea4U, ideato per individuare giovani innovatori che si sfideranno nella progettazione di prodotti assicurativi digitali di Smart-Health e wellness, dedicati a stile di vita e salute.

I progetti, da presentare entro il 26 maggio, dovranno approfondire diversi aspetti, dall’analisi di mercato allo sviluppo del concept, dalla definizione dell’interfaccia digitale e del set di Big Data e Analytics da raccogliere sino alla strategia di comunicazione, ai potenziali partner da coinvolgere e ai vantaggi per i clienti e per la Compagnia.

I candidati che proporranno le idee più innovative, valutati da una commissione composta da Isabella Fumagalli, Amministratore Delegato di Bnp Paribas Cardif in Italia, e da altri Top manager della Compagnia, saranno invitati a partecipare a una final battle che si svolgerà a Milano presso la Diamond Tower Bnp Paribas.

Il vincitore otterrà un’esclusiva opportunità di stage all’interno della Direzione Marketing di Bnp Paribas Cardif, con la possibilità di supportare la Compagnia nelle attività di sviluppo di prodotti assicurativi innovativi. Si conferma così la grande attenzione che Bnp Paribas Cardif dedica all’innovazione e ai giovani talenti per sviluppare un nuovo concetto di assicurazione più vicina alle persone e in linea con le esigenze degli utenti digitali.

Bnp Paribas Cardif, gli studenti universitari si sfidano nel contest #TheIdea4U ultima modifica: 2017-05-15T12:34:34+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: