Mediatori e agenti, in arrivo il bollino di riconoscimento dell’Oam

Oam LogoSe c’è il bollino è buono. Per aiutare i consumatori a distinguere mediatori creditizi che operano regolarmente da coloro che agiscono nell’illegalità, l’Organismo agenti e mediatori (Oam), ha deciso di mettere a disposizione degli iscritti un bollino di riconoscimento, in corso di distribuzione in queste settimane.

“Nella mail ricevuta da ogni operatore del settore sono contenuti i codici per accedere a un prodotto informatico personalizzato, da utilizzare sul proprio sito internet, grazie al quale la clientela potrà controllare se il soggetto con il quale stanno entrando in contatto è effettivamente autorizzato a operare: il bollino diventerà infatti automaticamente rosso in caso contrario – spiegano dall’Oam -. Lo strumento consentirà ai consumatori di accedere direttamente alla scheda di sintesi presente nei nostri elenchi, che riporta i dati essenziali degli iscritti”.

A disposizione di mediatori e agenti è stato previsto anche un “QR Code” personalizzato attraverso il quale i clienti potranno visionare la scheda di sintesi agevolmente e senza necessità di digitare manualmente gli indirizzi Url. In questo modo, sottolineano dall’Oam “basterà uno smartphone o un tablet dotato di fotocamera e di un lettore di QR Code e, con un semplice click, chiunque potrà scansionare il codice a barre bidimensionale e verificare l’abilitazione a operare del soggetto con cui entra in contatto”.

Sarà dunque impossibile ‘truccare le carte’, visto che il bollino riproduce esattamente la situazione presente negli elenchi.

“Con questa innovazione – chiariscono dall’Oam – vogliamo contribuire alla battaglia contro l’abusivismo perché, se la presenza del bollino si diffonderà, i consumatori diventeranno sempre più consapevoli del fatto che i soggetti abilitati sono solo quelli iscritti agli elenchi e avranno più facilità a individuare quanti esercitano la professione di agente e mediatore senza averne titolo”.

Mediatori e agenti, in arrivo il bollino di riconoscimento dell’Oam ultima modifica: 2018-04-16T10:52:14+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: