Bortolussi, Confidi Friuli: “Serve rifinanziamento della Regione alle misure di sostegno alle imprese”

Confidi Friuli Logo“Le pratiche deliberate rispetto all’anno scorso sono in crescita del 2% ma, con imprese che faticano sempre più sul fronte degli investimenti, quel tipo di linea di credito è in diminuzione. Anche in concomitanza con l’esaurimento delle risorse della legge regionale 23, che agiva proprio sul medio termine. Pur prendendo atto che la Regione è intervenuta in funzione anti-crisi con altri provvedimenti, riteniamo opportuno il rifinanziamento di una misura servita non poco al tessuto delle Pmi locali grazie alla possibilità di contributi fino a 300.000 euro con la cogaranzia regionale e pure quella del Frie”. Così Michele Bortolussi, presidente di Confidi Friuli, secondo quanto riferisce il quotidiano Udine Today.

Confidi Friuli, stando al giornale, ha registrato un aumento delle adesioni (152 nuovi soci nei primi sette mesi dell’anno), e per rispondere alla crisi ha messo in campo una rete commerciale diretta per l’acquisizione di iscritti e conseguenti operazioni e ha ribadito l’importanza del Fondo europeo di sviluppo regionale, l’edizione aggiornata nell’ambito del Programma operativo regionale Por Fesr “Competitività regionale e Occupazione” 2007-2013 all’interno di una convenzione siglata tra la Regione è il Rti “Competitività e sviluppo” che raggruppa gli 8 confidi del territorio regionale.

“La novità principale – ha spiegato Bertolussi – è l’eliminazione del vincolo degli investimenti relativi a sviluppo e ricerca”.

Su sollecitazione dei confidi, la Regione ha allargato infatti le finalità del Fondo: dal pagamento di salari e contributi assicurativo-previdenziali agli investimenti in immobili, attrezzature, software e brevetti, dal pagamento fornitori al consolido dell’indebitamento.

Confidi Friuli ha in gestione una quindicina di pratiche per un totale di 4 milioni di operazioni, che si aggiungono ai precedenti 3 milioni che riguardavano l’innovazione.

La tipologia del prodotto a valere sul Por Fesr rimane quella dei finanziamenti a breve e medio termine di durata compresa tra i 12 e i 60 mesi. L’importo massimo garantito non può superare, per singola Pmi, il tetto massimo di 1,5 milioni.

Infine, la garanzia a copertura rilasciata dai Confidi è stata fissata fino all’80% dell’importo di ogni singolo finanziamento fino al 31 dicembre 2015 e fino al 65% a partire dall’1 gennaio 2016.

Bortolussi, Confidi Friuli: “Serve rifinanziamento della Regione alle misure di sostegno alle imprese” ultima modifica: 2014-09-10T12:21:16+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: