Bper, fusione per incorporazione di Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, Carispaq e Banca Popolare di Aprilia

Prende così corpo, continua la nota, una delle scelte strategiche più importanti volte a ridisegnare l’architettura del Gruppo Bper con l’obiettivo di ottenere importanti sinergie di costi e ricavi, dopo che nel novembre 2012 è stata portata a termine l’incorporazione della controllata Meliorbanca.

Il nuovo assetto della capogruppo Bper prevede la costituzione di quattro grandi Direzioni Territoriali: Nord, Lanciano, L’Aquila e Lazio. L’obiettivo è mantenere e rafforzare i solidi legami esistenti con il territorio, valorizzando le competenze e professionalità locali. Le Direzioni Territoriali, strutturate a loro volta in Servizi e Aree, hanno compiti specifici in ambito commerciale e creditizio, con ampia autonomia gestionale.

“Il progetto che oggi si concretizza – ha dichiarato Luigi Odorici, amministratore delegato del Gruppo Bper – è stato costruito e portato avanti con determinazione dalla direzione generale delle quattro aziende coinvolte, che ringrazio, insieme con tutti i dipendenti, per quanto è stato fatto nel complesso lavoro preparatorio degli ultimi mesi. Il motivo della riorganizzazione è la volontà di rafforzarci in un momento particolarmente difficile per l’industria bancaria italiana, per essere ancora più preparati ad affrontare un mercato in continua evoluzione. Tengo a sottolineare che questa importante e necessaria riorganizzazione avviene in un contesto di piena continuità con i valori che il Gruppo BPper esprime da sempre. Nulla cambierà per i clienti nelle relazioni con la banca, ben determinata a confermare la sua funzione a servizio del territorio. Anzi, il patrimonio di efficienza, affidabilità e attenzione finora rappresentato al meglio da Bls, Carispaq e Bpa viene oggi rafforzato dall’integrazione con Bper”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Bper, fusione per incorporazione di Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, Carispaq e Banca Popolare di Aprilia ultima modifica: 2013-05-28T08:32:41+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: