Bpm accoglie i desiderata di Bankitalia: aumento di capitale fino a 1,2 miliardi

La Banca Popolare di Milano ha accolto le osservazioni di Bankitalia e ha predisposto un aumento di capitale fino a 1,2 miliardi di euro, oltre a un nuovo assetto di governance, dopo il parere “parzialmente sfavorevole” della Vigilanza per il periodo compreso tra il 27/09/2010 e il 4/3/2011.

Nella nota del Gruppo si legge infatti che “nelle proprie valutazioni ispettive l’Autorità di Vigilanza ha rilevato profili di criticità connessi agli assetti tecnico-organizzativi e ai presidi di controllo, nonché alla governance e alla struttura del Gruppo. A fronte delle criticità organizzative rilevate, la Banca d’Italia ha chiesto alla Bipiemme di adottare, finché perdurino le carenze di cui sopra rilevate in sede ispettiva, fattori di ponderazione particolarmente prudenziali e di procedere ad un correlato aumento di capitale”.

Il consiglio di amministrazione di Bpm ha deciso di venire incontro alle richieste della Banca d’Italia e di adottare provvedimenti opportuni a recepire le prescrizioni dell’Autorità di Vigilanza. Nel dettaglio il Gruppo si propone di realizzare precisi obiettivi: disporre di core Tier 1 capital del 9,8% al 2013, assicurare un ritorno sui tangible equity in linea con i peers, snellire la struttura del Gruppo a beneficio della sua efficienza, ammodernare gli assetti organizzativi interni e i relativi processi; rafforzare l’assetto di governo attraverso scelte organizzative e riforme statutarie.

Il cda ha individuato anche i  punti essenziali del piano per raggiungere tali scopi, che oltre all’aumento di capitale prevedono una proposta di incremento a 5 del numero massimo delle deleghe di voto statutariamente consentite, una radicale semplificazione e riorganizzazione del Gruppo, miglioramenti strutturali del sistema informatico, riallocazione degli impieghi per settore merceologico, dismissione di partecipazioni di minoranza non strategiche, ridefinizione delle politiche di remunerazione e di incentivazione, riduzione delle strutture dei costi e incremento della produttività.

La prossima riunione del cda è fissata per il 12 maggio.

Bpm accoglie i desiderata di Bankitalia: aumento di capitale fino a 1,2 miliardi ultima modifica: 2011-04-20T13:08:15+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: