Buoni i risultati del primo trimestre per la Cattolica Assicurazioni

I dati al 31 marzo 2010 confermano la forte solidità patrimoniale e l’elevato margine di solvibilità della Cattolica Assicurazioni. A fine marzo l’indice di solvibilità è risultato pari a circa 1,65 volte il minimo regolamentare, mentre il patrimonio netto consolidato si è attestato a 1.656 milioni, in crescita del 2,2% rispetto al 31 dicembre 2009 (quando era pari a 1.620 milioni). Il risultato è da attribuire principalmente al “miglioramento della riserva AFS3 (Available for Sale) che passa da 93 milioni di euro a 115 milioni con un progresso di 22 milioni” si legge in una nota del gruppo.

I risultati del primo trimestre 2010 confermano in modo significativo il trend positivo della gestione industriale che caratterizza Cattolica ormai da oltre due anni. Inoltre, sul piano dell’incremento della raccolta, non può che farci piacere la crescita registrata nei rami vita e nei rami danni” ha commentato l’amministratore delegato Giovan Battista Mazzucchelli.

La raccolta complessiva del lavoro diretto e indiretto è pari a 1.451 milioni di euro (966 milioni nello stesso periodo del 2009 in miglioramento del 50,2%). In miglioramento risulta sia la raccolta relativa ai premi del lavoro diretto del ramo danni (+2,7%) che la raccolta del lavoro diretto del ramo vita (+80,9%), rispetto allo stesso periodo del 2009.

Ramo auto

In un contesto di mercato che continua ad essere caratterizzato da elevata competitività, risulta positiva la raccolta relativa al ramo auto, in aumento del 2,8% rispetto allo stesso periodo del 2009.

Ramo vita

Prosegue il rafforzamento del gruppo nei rami non auto con un incremento del 2,6% rispetto al primo trimestre 2009. Nel segmento vita la raccolta da lavoro diretto risulta in miglioramento dell’80,9% e pari a 1.060 milioni (586 milioni al 31 marzo 2009); in particolare i prodotti tradizionali registrano un incremento del 69,3% rispetto allo stesso periodo del 2009. In miglioramento rispetto al 2009 anche i prodotti di ramo III che raggiungono una raccolta pari a 39 milioni (rispetto ai 23 milioni al 31 marzo 2009, in crescita del 69,6%).

Utile netto consolidato

L’utile netto consolidato risulta pari a 15 milioni di euro, in miglioramento del 15,4% rispetto ai 13 milioni di euro dello stesso periodo del 2009. In crescita anche il risultato netto di gruppo pari a 14 milioni di euro (12 milioni di euro al 31 marzo 2009). Tali risultati riflettono il buon andamento della gestione assicurativa.

Gli investimenti ammontano a 17.034 milioni. Le riserve tecniche lorde dei rami danni ammontano a 2.942 milioni e le riserve dei rami vita, comprese le passività finanziarie, si attestano a 13.351 milioni. Il risultato degli investimenti è passato da 63 milioni del 31 marzo 2009 a 95 milioni nei primi tre mesi del 2010.

Buoni i risultati del primo trimestre per la Cattolica Assicurazioni ultima modifica: 2010-05-26T07:54:57+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: