Capitalfin: “L’obiettivo del 2016 è arrivare a 110 milioni di fatturato”

Capitalfin LogoPer Capitalfin s.p.a. il 2015 è stato un anno importante, in cui è stato portato avanti il percorso iniziato nei mesi passati, che l’ha portata a occupare oggi un ruolo di primo piano a livello nazionale.

I numeri della società confermano le prospettive di sviluppo, facendo da sfondo al promettente periodo cui l’azienda sta andando incontro.

La rete commerciale, perno fondamentale della crescita societaria, nonché primissima voce dell’operatività, mostra segnali positivi che non lasciano presagire alcun rischio.

“I risultati ottenuti rappresentano il riconoscimento dello sforzo collettivo che abbiamo intrapreso per operare secondo best practies – hanno sottolineato, i vertici della società – e ci stimolano a proseguire lungo la strada definita dalla nostra mission aziendale”.

Con tale assetto, Capitalfin è passata da un fatturato di 60 milioni di euro nell’anno 2014 a uno di 80 milioni nel 2015. L’obiettivo fissato per il 2016 è superare i 110 milioni.

Per raggiungere questo risultato, la società ha potenziato esponenzialmente la produzione diretta, la rete commerciale di agenti e collaborator, incrementando le convenzioni con enti pubblici e privati.

L’approccio di Capitalfin tiene conto di un mercato fortemente cambiato, molto più selettivo e meritocratico, dove il cliente non è più una semplice “figura tramite” tra agente e intermediario, ma un’unità su cui si concentrano servizi e attività finalizzati all’operazione di finanziamento. Questa metodologia, pertanto, qualifica la relazione tra cliente e agente trasformando valutazione, acquisizione ed erogazione in veri e propri processi condivisi, con la partecipazione attiva del cliente stesso. In più, in questo modo, si rende il rapporto tra cliente e agente “continuativo” e non semplicemente collegato all’operazione finanziaria del momento.

Capitalfin: “L’obiettivo del 2016 è arrivare a 110 milioni di fatturato” ultima modifica: 2016-01-14T15:40:06+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: