Caripe, Mario Russo nuovo amministratore delegato

Il consiglio di amministrazione di Banca Caripe ha accettato le dimissioni dell’amministratore delegato Antonio Di Matteo, nominando in sua sostituzione Mario Russo, vice presidente di Banca Tercas e consigliere di amministrazione di Banca Caripe.
Il consiglio di amministrazione ha formulato al nuovo amministratore delegato i migliori auguri per un buono e proficuo lavoro, esprimendo altresì l’auspicio e la convinzione che la scelta operata contribuirà all’ulteriore rafforzamento della banca e alla realizzazione del progetto industriale.

 

Nell’accettare il nuovo incarico Russo ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Voglio rivolgere un sincero ringraziamento per la fiducia accordatami al presidente Lino Nisii e ai colleghi amministratori della capogruppo, analoghi sentimenti di gratitudine vanno anche all’intero consiglio di Banca Caripe e al presidente Guglielmo Marconi. Un cordiale saluto va a tutto il personale della banca che ringrazio per l’impegno e la professionalità profusi nel lavoro, soprattutto nella fase di adeguamento e migrazione da Banco Popolare al Gruppo Tercas, come ho avuto modo di apprezzare in questi mesi. Un particolare pensiero va all’intera clientela, famiglie e imprese che quotidianamente rinnovano la loro fiducia alla nostra banca che è stata restituita al territorio pescarese e all’intera economia regionale. La situazione economica regionale, che nel 2010 aveva registrato una leggera inversione di tendenza rispetto al dato nazionale, oggi presenta qualche segnale di affanno. L’imprenditoria locale e regionale deve puntare a livelli superiori anche sul piano qualitativo, con progetti credibili di ristrutturazione, di ammodernamento e di nuove sinergie che puntino alla competizione internazionale. Simili progetti, dopo un’attenta valutazione del merito creditizio, troveranno sicuramente il sostegno di Banca Caripe. Nell’attuale contesto economico il ruolo di un gruppo bancario regionale, fortemente radicato sul territorio, può offrire risposte più adeguate. Questa mia opinione è ampiamente suffragata dall’Autorità di Vigilanza la quale sostiene, appunto, che le banche locali, in equilibrio con le proprie esigenze di bilancio riescono ad assolvere al meglio alla propria funzione di sostegno allo sviluppo dell’economia regionale. In quest’ottica ci proponiamo di implementare tutte le attività bancarie, per sostenere tutte le iniziative economiche che contribuiscono allo sviluppo del territorio”.

Il Mario Russo, 65 anni, romano di origini napoletane, è ormai teramano di adozione. Laureato in Economia e Commercio all’Università La Sapienza, è entrato giovanissimo in Banca d’Italia dove ha svolto tutta la sua carriera. Nei suoi quarant’anni di servizio, di cui 25 nella carriera direttiva, ha lavorato presso varie strutture dell’Istituto di Via Nazionale. Nell’amministrazione centrale presso i servizi Studi, Ragioneria, Organizzazione, Officina Carte Valori, in periferia reggendo temporaneamente Dipendenze di varia grandezza come Livorno, Napoli, Pisa, Ravenna, Pavia, Latina, Imperia. Ha concluso la sua carriera come Direttore titolare della Filiale di Teramo dove, tra l’altro, ha anche coordinato l’osservatorio sull’economia della provincia, per conoscere il contesto nel quale operavano le banche vigilate. Nell’Aprile 2010 è stato eletto vice presidente di Banca Tercas, e dal 2 gennaio di quest’anno è entrato a far parte del C.d.A. di Banca Caripe, dove da oggi è il nuovo amministratore delegato.

Caripe, Mario Russo nuovo amministratore delegato ultima modifica: 2011-10-04T15:42:13+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: