Carlo Chidini, presidente Più Mutui Casa: “Il nostro piano triennale prevede il raddoppio dei volumi e una rete commerciale con prevalenza di giovani”

Chidini, Più Mutui CasaCarlo Chidini, presidente di Più Mutui Casa, società di mediazione creditizia specializzata nell’intermediazione di mutui e legata al gruppo Tempocasa, racconta i progetti futuri racchiusi nel piano triennale che la società ha presentato a fine gennaio, puntando tutto sulla formazione dei giovani.

Come è andato il 2016?
Abbiamo chiuso con un incremento della produzione del 37% rispetto al 2015, con un erogato di 260 milioni di euro e una squadra commerciale formata da 103 collaboratori. Nell’ultimo anno abbiamo aumentato il numero dei collaboratori di circa 30 unità, passando così da 70 a oltre 100.

Avete avviato un importante programma di formazione della rete. Di cosa si tratta?
Abbiamo puntato e investito moltissimo sulla formazione dei nostri collaboratori. Soprattutto sui neofiti, giovani desiderosi di entrare nel mondo del lavoro per integrarli all’interno della nostra azienda che lavora a stretto contatto con il mondo Tempocasa. Abbiamo formulato un piano di investimenti per sostenere i nuovi ingressi nei primi mesi e avviato un percorso formativo che ci porta ad incontrarli ogni 15 giorni. I primi 4 mesi all’interno della struttura servono soprattutto per studiare e fornire le informazioni di base, anche perché i giovani non hanno ancora effettuato la prova valutativa e non sono abilitati all’esercizio della professione. Questo percorso si snoda tra giornate formative in sede e lavoro all’interno degli uffici. Una volta che i collaboratori sono abilitati e sono iscritti negli elenchi Oam, prendono parte per altri 6 mesi a un percorso legato alla produzione commerciale attraverso un  processo di affiancamento che li porta a svolgere l’attività vera e propria.

Come è dislocata la vostra rete?
La rete è presente prevalentemente al Nord: il  70% dei nostri collaboratori opera tra Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. Siamo operativi anche nel Lazio, in Puglia, in Sicilia e in Campania. Anche al Sud abbiamo replicato il percorso formativo e infatti i nostri formatori si spostano per fornire gli stessi servizi e opportunità di inserimento. La nostra rete è caratterizzata da un bassissimo turn over.  Generalmente chi cresce con noi poi rimane nel gruppo e questo non solo per motivi economici ma soprattutto grazie allo spirito di squadra che ci caratterizza. Il nostro staff è composto da 14 persone. Il back office è a Milano e abbiamo 23 financial point dislocati sul territorio.

Che previsioni avete per l’anno in corso?
Avendo consolidato il ruolo della nostra azienda all’interno del mercato, il 30 gennaio scorso abbiamo presentato un piano triennale. Abbiamo voluto darci un orizzonte più lungo rispetto a quello che potevamo avere nei momenti di crisi degli anni passati. Il progetto a 3 anni prevede un raddoppio nel numero delle risorse e dei volumi. L’obiettivo è di arrivare al 2020 con 500 milioni di erogato e 200 collaboratori. Attualmente stiamo viaggiando con un incremento medio del 50% su base mensile. Ci aspettavamo un 25% invece siamo al 50%.

Quali sono i vostri progetti per il futuro?
Il nostro obiettivo è quello di inserire altri neofiti ma puntiamo anche al perfezionamento delle performance delle risorse. La nostra società ha il più alto erogato pro-capite per collaboratore: 260 milioni per 100 collaboratori vuol dire aver raggiunto una media che la gran parte delle società non ha. La nostra divisione interna delle risorse umane monitora costantemente i risultati dei singoli collaboratori nei confronti sia dei clienti che delle banche e promuove 3 affiancamenti durante l’anno con figure professionalmente simili. L’obiettivo è quello di mettere a fattor comune il capitale delle risorse umane e al contempo utilizzarlo per gli affiancamenti.

Carlo Chidini, presidente Più Mutui Casa: “Il nostro piano triennale prevede il raddoppio dei volumi e una rete commerciale con prevalenza di giovani” ultima modifica: 2017-03-15T18:13:15+00:00 da Valentina Petracca

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: