Carney, Bank of England: “La rivoluzione fintech porta con sé rischi che non devono essere sottovalutati”

FintechLa rivoluzione che la fintech sta operando nel settore dei servizi finanziari porta con sé alcuni rischi che non possono essere sottovalutati. Ne è convinto Mark Carney, governatore della Bank of England, che ha dedicato alla tecnofinanza una parte del suo intervento durante una conferenza del G20 a Wiesbaden, in Germania.

La fornitura di servizi e prodotti finanziari attraverso le più avanzate tecnologie dell’informazione ha l’effetto positivo di “democratizzare il settore”, ha spiegato Carney, aggiungendo che queste innovazioni potrebbero però portare alla fine del concetto di banca come è oggi conosciuto.

“Se gli istituti di credito devono fare i conti con una raccolta al dettaglio più debole rispetto al passato e con una relazione con i clienti più mediata, la volatilità dei loro depositi potrebbe aumentare”, ha sottolineato il presidente del financial stability board della Old Lady di Threadneedle Street.

Nel suo discorso Carney ha assicurato che una parte dell’impegno della BoE è orientato a garantire alle società che offrono servizi finanziari non tradizionali la possibilità di svolgere attività precedentemente riservate alle banche e agli alti soggetti “tradizionali”.

L’aumento della tecnologia blockchain introdotta da creatori di valute digitali come Bitcoin, ad esempio, è uno dei fenomeni monitorati con maggiore attenzione dal financial stability board, ha garantito Carney.

La diffusione della tecnofinanza, ha concluso il governatore della Bank of England, richiede una precisa ed efficiente regolamentazione, con norme certe e in grado di garantire la sicurezza degli operatori e dei consumatori finali. La banca centrale britannica è al lavoro su questo fronte, per garantire che la diffusione della fintech non porti con sé squilibri e problemi che danneggerebbero tutto il sistema economico.

Carney, Bank of England: “La rivoluzione fintech porta con sé rischi che non devono essere sottovalutati” ultima modifica: 2017-01-27T11:39:19+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: