Cashinvoice acquisisce partecipazione in Flowpay

Cashinvoice, scaleup fintech green, annuncia l’acquisizione di una partecipazione strategica in Flowpay, istituto di pagamento autorizzato da Banca d’Italia (Pisp/Aisp). Fondata nel 2017 da Luca Scali, Daniele Fanì e Giovanna Arcangeli, è tra gli operatori italiani del settore dell’invoice trading. Attiva con oltre 250.000 di transazioni eseguite, la piattaforma fintech conta un portafoglio di oltre 500 aziende cedenti e 2.000 debitori ceduti. Coerentemente con il proprio piano di crescita e consolidamento sul mercato fintech, a ottobre scorso aveva concluso un secondo round, sottoscritto da investitori privati, per 500.000 euro.

Per un gruppo come Cashinvoice, l’acquisizione di una partecipazione in FlowPay significa abilitare tool e servizi in un contesto di open finance in fortissima crescita anche in Italia – ha dichiaratovil ceo e responsabile degli investimenti Scali -. La spinta digitale ha accentuato da parte del mercato la richiesta di servizi finanziari evoluti. Oggi come gruppo operiamo ponendo al centro dei nostri servizi la gestione del capitale circolante dell’impresa, che supportiamo con soluzioni innovative sia lato fatture attive che passive. Presto, grazie alle sinergie con FlowPay e il suo team, lanceremo come ‘first mover’ diversi nuovi servizi”.

FlowPay, start up autorizzata da Banca d’Italia come operatore open banking sia per l’accesso ai conti che per le disposizioni di pagamento, è una piattaforma online per il b2b che sfrutta lo standard della fattura elettronica e si integra con erp on line per aiutare le imprese a risparmiare tempo e soldi attraverso l’automatizzazione degli incassi e dei pagamenti commerciali ottenendo la riconciliazione delle movimentazioni con una soluzione multi-conto e multi-banca per tutte le banche italiane.

La piattaforma, interamente sviluppata in house, è integrabile via api in soluzione terze che offrono servizi finanziari, amministrativi e contabili. FlowPay sta inoltre sviluppando use case specifici in collaborazione con operatori istituzionali e servizi on-line che offrono soluzioni erp, di finanza alternativa e invoice trading, e-commerce b2b o wallet digitali. Il gateway proprietario permette alla startup di essere estremamente competitiva e il team di sviluppo interno supporta i partner e i clienti nel design di soluzioni open banking orientate ai pagamenti e alla business financial management.

“Siamo orgogliosi di essere stati scelti da Cashinvoice come partner strategico open banking ed entusiasti di intraprendere un percorso insieme che traghetti le numerose soluzioni che stiamo sviluppando – ha affermato il cofondatore e ceo Federico Masi. Stiamo realizzando importanti progetti di open finance, concretizzando le sinergie fintech sul credito rese disponibili da CashInvoice che si intrecciano con le potenzialità della Psd2 sviluppate in house da Flowpay. Questo è solo il primo passo di una crescita che mostrerà tutte le potenzialità del fintech italiano”.

Lo Studio Nctm, con il partner, avvocato Lukas Platter e il suo team, ha supportato Cashinvoice.