Caso Wirecard: SisalPay|5 scende in campo a tutela dei clienti con piano da 20 milioni

SisalPay-Banca 5 LogoNonostante la totale assenza di responsabilità, in meno di 24 ore e con il pieno supporto degli azionisti Cvc Capital Partners e Banca 5, SisalPay|5 ha finalizzato un piano per la gestione della crisi Wirecard, assumendosi direttamente l’onere finanziario e facendosi carico di restituire immediatamente le somme di denaro congelate, con una priorità chiara e inderogabile: la tutela degli interessi dei propri clienti. Un’iniziativa che prevede un piano di copertura economica del valore di oltre 20 milioni di euro.

Nella giornata di venerdì 26 giugno, oltre 325.000 cittadini in Italia si sono ritrovati improvvisamente con una carta prepagata le cui funzionalità sono state completamente bloccate. Il crac del colosso tedesco di tecnologie e servizi finanziari Wirecard è arrivato anche nel nostro Paese: l’autorità di vigilanza bancaria inglese (Fca) ha infatti bloccato l’operatività di tutte le carte Wirecard a livello mondiale. Tra queste, anche le carte con il brand SisalPay: la società, con lo stesso sconcerto e stupore dei propri clienti, si è ritrovata dunque a dover gestire una situazione complessa e delicata causata da un fornitore terzo.

Sabato 27, l’indomani del grave disservizio, SisalPay|5 è stata dunque in grado di rassicurare i propri clienti ed i propri esercizi convenzionati, attraverso una comunicazione formale e diretta, rispetto ai fondi depositati e alla restituzione delle somme. Nello specifico, spiega una nota, nelle prossime ore, ai possessori della carta a brand SisalPay verrà data la possibilità di trasferire il saldo direttamente su una nuova carta prepagata, emessa in partnership con Banca 5, affinché il cliente possa tornare velocemente ad effettuare pagamenti in tutta tranquillità oppure di ricevere, secondo le modalità più sicure e convenienti per il cliente, l’accredito o rimborso del saldo presente sulla carta.

La sicurezza dei propri clienti è una priorità chiave per la società nata a dicembre 2019 dall’unione dell’eccellenza di SisalPay nel settore dei pagamenti e di Banca 5 nei servizi bancari di prossimità: l’iniziativa messa in campo in tempi record per tutelare gli interessi e contenere i disagi dei propri clienti ne è testimonianza forte e concreta. Una prova di quanto la responsabilità d’impresa sia centrale nelle strategie della giovane società, e dei sui azionisti, che mira a diventare, attraverso il proprio modello di proximity banking unico nel panorama industriale italiano, un punto di riferimento nella vita economica e sociale del Paese.