Cassa Centrale Banca diventa socio sovventore di Itas Mutua

Itas Mutua LogoItas Mutua e Cassa Centrale Banca rafforzano la propria collaborazione nell’importante settore della previdenza complementare: l’istituto di credito, inoltre, è divenuto socio sovventore con il versamento di 2,5 milioni di euro nel fondo di garanzia della compagnia assicurativa trentina.

Con l’entrata di Ccb nel capitale della mutua, salgono a sei i soci sovventori di Itas. Si tratta, oltre a Cassa Centrale Banca, di: Fondazione Cassa di Risparmio di BolzanoBanca di CividaleIntesa SanpaoloCassa di Risparmio di Bolzano e Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

A questi si aggiungono i due soci sovventori partner: la compagnia assicurativa tedesca Vhv Allgemeine Versicherung e Hannover Re, riassicuratore di standing internazionale.                                                                              

Soddisfazione per la definizione dell’accordo è stata espressa dal presidente di Itas Mutua Giuseppe Consoli: “La scelta di Ccb rinnova la stretta collaborazione fra due realtà molto affini, appartenenti al mondo mutualistico e cooperativo che, pur operando in tutta Italia, con questa partnership rafforzano innanzitutto il Trentino nella solida politica del “fare sistema” anche a livello territoriale che da sempre Itas considera strategica”.

 “Con questo accordo si rafforza un partenariato al quale teniamo particolarmente, come dimostra il nostro impegno nella proposta delle soluzioni Itas nella previdenza complementare, che vantano numeri e rendimenti importanti. Una collaborazione decisiva per offrire un futuro più sereno alle persone.”, ha dichiarato il presidente di Cassa Centrale BancaGiorgio Fracalossi.

Grazie al rilancio dell’accordo Ccb continuerà a proporre il fondo pensione Plurifonds di Itas Vita nella rete di sportelli del gruppo.