Cassa di Risparmio di Ravenna acquista l’80% del capitale di Sifin

Cassa di Risparmio di RavennaCassa di Risparmio di Ravenna ha acquisito una partecipazione di controllo, pari all’80% del capitale sociale, di Sifin, società operante nel settore del factoring della sanità, con sede a Bologna.

Al 31 dicembre 2016 Sifin ha riportato un totale attivo di 50 milioni di euro, con un utile netto di 1,4 milioni di euro. L’operazione ha ottenuto la preventiva autorizzazione della Banca d’Italia.

Con l’acquisizione di Sifin Cassa di Risparmio di Ravenna entra nel settore di mercato del factoring crescendo ulteriormente, con l’aggiunta dei servizi alle tre banche del gruppo, Cassa di Ravenna, Banca di Imola e Banco di Lucca e del Tirreno; alla società specializzata nel settore dei prestiti garantiti dalla cessione del quinto dello stipendio e delegazioni di pagamento Italcredi; ed infine a Sorit, diversificando ulteriormente i propri asset.

Lo studio legale Bird & Bird, con un team coordinato da Maurizio Pinto, counsel del Dipartimento Corporate guidato da Alberto Salvadè, ha assistito Cassa di Risparmio di Ravenna nella redazione e negoziazione della documentazione contrattuale, mentre il financial advisory di Deloitte ha supportato la banca nelle attività di due diligence.

I venditori sono stati assistiti dallo studio Bovesi Cartwright Pescatore, con un team guidato dall’avvocato Giacomo Pescatore, partner.

Cassa di Risparmio di Ravenna acquista l’80% del capitale di Sifin ultima modifica: 2017-11-15T11:38:58+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: