Allegretti, Prestitosì

Eustacchio Allegretti, presidente Assomea: “La lotta all’abusivismo è una delle grandi sfide del 2014”

La lotta all’abusivismo sarà una delle grandi sfide che il settore della mediazione creditizia dovrà affrontare nel 2014. Ne è convinto Eustacchio Allegretti, presidente...
Picciolini

Fabio Picciolini, responsabile dell’ufficio studi di Adiconsum: “La ripresa dovrebbe consolidarsi ma servono misure...

Ha concluso da poco il mandato triennale da presidente del Consumers’ Forum e ora è tornato a lavorare con l’Adiconsum, nel ruolo di responsabile...
Iannaccone, Assoprofessional

Luigi Iannaccone, Assoprofessional: interchange fee, cosa cambia davvero per gli esercenti?

Lo scorso 9 dicembre è entrata in vigore anche in Italia la normativa europea che impone il tetto unico alle commissioni interbancarie: 0,3% del...
Nunzio Ragno, Antico Associazione nazionale tutela il comparto oro

Nunzio Ragno, presidente Antico: “Siamo al lavoro con Oam e altre autorità per fornire...

“A distanza di più di un mese dalle votazioni politiche tenute lo scorso 4 marzo continuano, con un nulla di fatto, le consultazioni convocate...

Tommaso Gamaleri, head of Europe di Younited Credit: “Mediatori e fintech: con la collaborazione...

Era l’aprile del 2016 quando Younited Credit ha aperto i propri battenti in Italia. Cinque anni: un’era digitale fa. La fintech era roba da...

Samuele Lupidii, vice presidente nazionale Fiaip: “Stabilendo l’incompatibilità tra agente immobiliare e mediatore creditizio,...

“Il Governo ha penalizzato il risparmio delle famiglie e quindi la proprietà immobiliare per favorire esclusivamente i beni mobiliari e gli impieghi finanziari. Le tasse sulla casa sono aumentate e hanno danneggiato oltre che le transazioni immobiliari, il ceto medio e i piccoli risparmiatori in generale”. Nei giorni scorsi, durante l’ultimo consiglio nazionale, i vertici della Fiaip sono tornati a criticare la politica attuata dall’esecutivo Monti nel settore del mattone. Citando uno studio commissionato dalla Confedilizia, la Federazione italiana degli agenti immobiliari professionali ha sottolineato come già nel 2009, tra imposte dirette e indirette sulla casa, in Italia il livello di tassazione degli immobili fosse all’1,45% del Pil, contro l’1,44% della media Ocse, l’1,32% dei Paesi Ue e l’1,26% dell’Eurozona. A causa dell’introduzione dell’Imposta municipale unica, hanno aggiunto i portavoce dell’associazione, l’imposizione fiscale sugli immobili oggi arriva al 1,7%, e dall’inizio della crisi nel comparto sono stati persi più di 360mila posti di lavoro posti. Abbiamo raggiunto al telefono Samuele Lupidii, vice presidente nazionale della Fiaip con delega alla mediazione creditizia, e gli abbiamo rivolto alcune domande per capire quali sono le proposte della federazione per uscire da questa situazione.

Quello attuale non è certo un buon momento per il mercato immobiliare. Gli ultimi dati dell’Agenzia del territorio parlano di una caduta del 26,8 per cento nel terzo trimestre di quest’anno. Ma la colpa è tutta del governo?
Noi riteniamo che se non cambia qualcosa a livello di legislazione, con provvedimenti mirati che possano supportare la possibilità di acquisto e di compravendita, le previsioni nel breve e nel lungo periodo non siano affatto positive. Senza dubbio la ragione principale del blocco delle compravendite deve essere individuata nell’attuale sistema di tassazione, che appare per certi versi addirittura vessatorio. Il Governo, in questa fase delicata che il Paese sta attraversando, chiede continuamente che vengano formulate proposte di risanamento “a saldo zero”. A questo proposito vorrei richiamare l'attenzione su un dato: rispetto a due o tre anni fa il numero di compravendite è calato di circa 300-350mila unità, passando più o meno da 700mila alle attuali 400mila. Conseguenza diretta di ciò è una contrazione sensibile del gettito, contrazione che non è certo stata compensata dalle entrate ottenute tramite le nuove tasse sugli immobili. È necessario rendersi conto che far ripartire il mercato immobiliare è una priorità, dato che se questo settore si rimettesse in moto, sarebbe l’intero sistema economico a trarne beneficio.

Giacomo Mallo, amministratore delegato Atlantide: “La nostra nuova società sarà multi-prodotto, con una rete...

Dopo un aumento del capitale sociale, l’ingresso di nuovi soci e il rinnovo del consiglio di amministrazione ha iniziato a operare da poche settimane...

L’inclusione di genere si fa (anche) a tavola. L’esempio virtuoso dei caffè in rosa...

Capita che una colazione tra donne diventi l’occasione per portare l’inclusione di genere nelle aziende. Si racconta, si condivide, si prende ispirazione per nuove...
Antonio Catricalà, Oam

SIMPLYBIZ VIDEO/ Antonio Catricalà, presidente Oam: “Mediatori e agenti devono imparare a governare il...

Per la nuova puntata della nostra rubrica Face to Face abbiamo invitato in redazione il presidente dell'Oam, Antonio Catricalà, per ragionare con lui sul...

Ultimi Articoli