Catricalà, Oam: “I dati degli iscritti all’Organismo confermano un trend positivo. Proseguiremo con un’azione di vigilanza intelligente”

Oam Logo“I dati degli iscritti all’Organismo  confermano, con l’aumento sensibile dei collaboratori, un trend positivo. E indicano un’attenzione degli operatori agli strumenti messi a disposizione dall’Organismo per consentire alla clientela di distinguere con facilità chi opera legittimamente e chi invece si pone al di fuori delle regole. Proseguiremo con un’azione di vigilanza intelligente, mirata non solo a prevenire e a sanzionare i comportamenti scorretti, ma anche a consentirci di comprendere al meglio quanto accade sui nostri mercati di riferimento”. Così Antonio Catricalà, presidente dell’Organismo agenti e mediatori (Oam) nell’editoriale che apre il nuovo numero di OAMagazine.

“Seguiamo con attenzione le problematiche che riguardano i nostri iscritti e le novità regolamentari in arrivo: dal regolamento Ue su Imel e Ip, alle nuove misure di vigilanza sugli stessi, poste in consultazione dalla Banca d’Italia, fino alle modifiche delle disposizioni in materia di trasparenza predisposte da Via Nazionale, sulle quali è ancora aperta la consultazione – si legge ancora nell’editoriale di Catricalà -.Il tema della trasparenza ci sta particolarmente a cuore perché siamo convinti che solo un rapporto con la clientela basato sulla correttezza può rendere forte il nostro settore. Il consumatore è sempre più al centro del legislatore comunitario, che sta lavorando su alcune direttive che ne rafforzeranno la tutela. Siamo di fronte a un cambio di passo, anche culturale, che non possiamo ignorare: ne andrebbe della nostra credibilità e del nostro futuro. È lo stesso consumatore a chiedercelo, come dimostrano i dati contenuti nella relazione dell’arbitro bancario e finanziario. Dopo la pausa estiva sarà operativo il Registro dei compro oro: abbiamo stabilito, con il dovuto equilibrio, le quote di iscrizione a carico degli operatori del settore, cercando di non penalizzare il comparto ma garantendo che le nuove funzioni affidate all’Organismo non pesino sugli iscritti ‘storici’, che rappresentano in qualche modo la nostra ragione ‘sociale’. Come è noto, l’istituzione del Registro dei compro oro è prevista dalla normativa anti-riciclaggio. I dati della relazione annuale dell’Uif, l’Unità di informazione finanziaria, ci dicono che gli obblighi a carico degli operatori stanno dando i loro frutti. La battaglia contro il riciclaggio del denaro sporco e contro il terrorismo internazionale è una battaglia di tutti. Per questo faremo con impegno e convinzione la nostra parte, anche su questo fronte”.

Accanto all’editoriale di Catricalà questi gli altri temi trattati sul nuovo numero di OAMagazine:

  • l’andamento della domanda di credito, secondo quando contenuto nell’ultimo Bollettino della Banca d’Italia;
  • le novità regolamentari in arrivo: dal regolamento Ue su Imel e Ip, alle nuove misure di vigilanza sugli stessi, poste in consultazione dalla Banca d’Italia, fino alle modifiche delle disposizioni in materia di trasparenza predisposte da Via Nazionale;
  • i dati di interesse per la categoria tratti dalla relazione dell’Arbitro Bancario e Finanziario e dalla relazione annuale dell’Uif, l’Unità di informazione finanziaria.
Catricalà, Oam: “I dati degli iscritti all’Organismo confermano un trend positivo. Proseguiremo con un’azione di vigilanza intelligente” ultima modifica: 2018-08-06T16:01:18+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: