Cattolica Assicurazioni, utile di gruppo in crescita del 10,5% nel I trimestre

25

Cattolica Assicurazioni LogoIl cda di Cattolica Assicurazioni ha approvato i risultati al 31 marzo 2019.

La raccolta premi complessiva del lavoro diretto ed indiretto Danni e Vita cresce del 13% a 1.506 milioni (in calo del 16,6% a termini omogenei). Nel business Danni si riscontra un incremento del 5,4% (+1,2% a termini omogenei) nei premi diretti. La crescita dei premi diretti Vita è pari al 17,2% (-26,2% a termini omogenei) ed è accompagnata da un’azione di revisione dei prodotti con progressiva riduzione del profilo di rischio. Si conferma la profittabilità tecnica dei rami Danni, con un combined ratio del 93,7%, invariato rispetto al 1Q2018, grazie soprattutto al comparto Non Auto.

Il risultato operativo segna una significativa crescita del 33,2% a €60mln grazie soprattutto al consolidamento delle nuove joint ventures con Banco Bpm. Va evidenziato che anche a termini omogenei crescerebbe del +5,3%, in seguito all’aumento dei volumi Danni ed alla confermata eccellente profittabilità tecnica.

Il RoE operativo al 7% è in crescita di 2,1 p.p.

L’*utile netto di Gruppo a 26 milioni (24 milioni 1Q2018) risulta in rialzo rispetto all’anno precedente (+10,5%).

Gestione Danni 
La raccolta premi del lavoro diretto registra un incremento del 5,4% a € 492 mln (+1,2% a termini omogenei), di cui €272mln nel segmento Auto, in calo del 2,4% (- 2,9% a termini omogenei), legata ad un mancato rinnovo di un libro matricola e ad un calo del numero di polizze, in parte compensato dal lieve incremento del premio medio.

Il segmento Non Auto mostra una decisa crescita nella raccolta premi, +17,1% a €220mln (+7,2% a termini omogenei), anche per effetto delle numerose iniziative previste nel Piano Industriale. Tale sviluppo conferma l’efficacia delle azioni intraprese nel Piano Industriale per riequilibrare il mix del business Danni a favore del Non Auto.

Il combined ratio si conferma stabile e profittevole al 93,7%. Il claims ratio (lavoro conservato) migliora di 1,2 p.p. (da 65,2% a 64%) soprattutto per effetto dell’avvio del turnaround nel comparto Non Auto, in linea con le direttrici del Piano Industriale. L’expense ratio si attesta al 28,9%, in aumento di 1,5 p.p., principalmente per effetto della rimodulazione del mix produttivo prevista dalle azioni strategiche e, in misura minore, per gli investimenti a supporto del nuovo Piano.

Gestione Vita 
Nel segmento Vita la raccolta del lavoro diretto è in crescita del 17,2% a €1.012mln. Le nuove sottoscrizioni di polizze Vita rivalutabili con tassi garantiti pari a zero hanno favorito un progressivo ulteriore abbassamento del minimo garantito medio dello stock di riserve matematiche del Gruppo, che si attesta a 0,74% (0,78% FY2018). Inoltre, la totalità delle nuove emissioni tradizionali è caratterizzata da un basso assorbimento di capitale grazie al loro ridotto profilo di rischio.

Gestione finanziaria e situazione patrimoniale 
Il risultato degli investimenti è pari a € 118 mln (€ 101 mln 1Q2018), nonostante la sostanziale assenza di realizzi netti. Gli investimenti ammontano a €32.103mln. Le riserve tecniche lorde dei rami Danni sono pari a € 3.695 mln (€ 3.748 mln FY2018) e le riserve dei rami Vita, compresi i contratti di investimento, si attestano a € 26.886 mln (€ 26.503 mln FY2018). Il patrimonio netto consolidato è pari a € 2.333 mln, in crescita rispetto al 31 dicembre 2018 (€ 2.255 mln). L’indice Solvency II del Gruppo è pari a 161%, pur scontando il calo dei tassi di interesse. Il ratio è calcolato secondo la Standard Formula con utilizzo degli Undertaking Specific Parameters (USP) autorizzati dall’Organo di Vigilanza. Si precisa che tale ratio non ha beneficiato della misura controciclica del “country specific volatility adjustment”.

Rete Distributiva 
Al 31 marzo 2019 la rete agenziale conta 1.439 agenzie e gli sportelli di istituti bancari che collocano prodotti del Gruppo sono 6.031.

Prevedibile evoluzione dell’attività 
In un mercato assicurativo ancora caratterizzato da un’elevata competitività, da bassi tassi di interesse e da una significativa volatilità dello spread sui titoli italiani, fatti salvi eventi straordinari, prevediamo per il 2019 un risultato operativo e di utile netto di Gruppo in miglioramento rispetto al precedente esercizio.

Enrico Mattioli, vice direttore generale e Chief Financial Officer del Gruppo Cattolica Assicurazioni, ha dichiarato: “I dati che presentiamo oggi evidenziano una traiettoria positiva per la compagnia: il risultato operativo e l’utile netto di Gruppo crescono in doppia cifra e i fondamentali tecnici sono solidi. Il trimestre, caratterizzato da una complessa situazione di mercato, riflette una confermata eccellenza tecnica e una raccolta complessiva in aumento, sostenuta sia dal Danni che dal Vita. Si registra un deciso incremento dei rami elementari, in linea con quanto previsto dal Piano Industriale. La solidità del Gruppo è confermata da un Solvency II Ratio pari a 1,61 volte il minimo regolamentare, pur scontando il calo dei tassi di interesse”.