Cattolica Assicurazioni vince il premio Ferpi per il bilancio

L’oscar di bilancio 2010 della Federazione relazioni pubbliche italiana è andato alla Cattolica assicurazioni. La società veronese si è aggiudicata quest’anno il premio che si popone di valorizzare i migliori risultati e la migliore comunicazione dei dati di bilancio delle aziende italiane.

L’oscar, che gode dell’alto patronato della Presidenza della Repubblica, è stato consegnato lo scorso 29 novembre a Milano, nella sede della Borsa, durante una cerimonia a cui hanno partecipato i vertici delle più importanti realtà economiche italiane. Le società finaliste, ha dichiarato Ferpi, “hanno dimostrato con i loro bilanci di volere e sapere comunicare non solamente i risultati economici, ma anche le performance sociali ed ambientali delle loro organizzazioni”.

La giuria, presieduta da Angelo Provasoli, professore ordinario dell’università Bocconi di Milano, ha ritenuto il bilancio di Cattolicacompleto, efficace e chiaro nell’esposizione”, giudicando “buona la valutazione degli aspetti di corporate governance, la rappresentazione degli impegni, la descrizione sintetica del mercato di riferimento e la spiegazione valoriale delle attività”. Di buon livello infine, secondo la motivazione, anche la comunicazione.

Per tre anni consecutivi la compagnia era salita sul podio come finalista. Oggi la conquista del massimo riconoscimento indica un trend di costante miglioramento. “L’aver ricevuto questo premio ci procura grande soddisfazione, perché ancora una volta si è confermata l’attenzione di Cattolica nella comunicazione sociale – ha commentato il presidente Paolo Bedoni -. Questo risultato non nasce per caso: siamo una società cooperativa e la nostra missione ci impone il più alto livello di trasparenza e di chiarezza, in primo luogo verso i nostri soci, ma in generale verso tutti i nostri pubblici. La qualità della comunicazione rappresenta quindi per noi un aspetto etico imprescindibile”.

Cattolica Assicurazioni vince il premio Ferpi per il bilancio ultima modifica: 2010-12-01T08:45:19+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: