Centro Fidi Terziario, oltre 750 milioni di finanziamenti erogati

Credito 2Il Centro Fidi Terziario Cft, l’organismo creditizio del sistema Confcommercio nato nel 2006 è diventato il sesto soggetto a livello italiano per volumi di finanziamenti erogati superando quota 750 milioni di euro.

Cft, si legge sul sito di Confcommercio, aggrega oggi 14 consorzi fidi delle Ascom provinciali dell’Italia centrale (Toscana, Umbria e Alto Lazio) e i principali istituti di credito dello stesso ambito territoriale. In pochi anni di attività è riuscito a vincere la sfida che si era posta: quella di fornire alle imprese, in primis quelle dei settori commercio, turismo e servizi rappresentate dalla Confcommercio, un unico interlocutore che potesse fare le loro veci nei confronti delle banche.

Ma oltre che per i brillanti risultati quantitativi che gli hanno permesso di fare un balzo in avanti nella classifica dei confidi, Centro Fidi Terziario spicca anche per la qualità del suo operato, come emersa nei giorni scorsi durante l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio 2013: dopo aver proceduto ad effettuare accantonamenti prudenziali di gran lunga superiori ai benchmark di riferimento, il soggetto creditizio del sistema Confcommercio è infatti riuscito a chiudere i suoi conti di bilancio in pareggio, nonostante la congiuntura assai sfavorevole, che ha obbligato la maggior parte delle strutture creditizie (sia banche sia confidi) a chiudere con perdite milionarie e a ricorrere alla ricapitalizzazione.

Le richieste di fido sono servite al 62% per coprire operazioni a medio termine (sia consolidamenti che investimenti) e al 38% per operazioni di breve termine e di liquidità. Il 50% dei finanziamenti totali è stato erogato tramite 6 istituti di credito: Monte dei Paschi di Siena, gruppo Banca Intesa, Banca Etruria, Banco popolare, Cassa di Risparmio di san Miniato e gli istituti di credito appartenenti alla federazione toscana delle BCC.

Centro Fidi Terziario, oltre 750 milioni di finanziamenti erogati ultima modifica: 2014-05-30T17:02:38+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: