Banca d’Italia, indicazioni su contratti di cessione di crediti deteriorati di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca

378

Veneto Banca banche venete LogoLa Banca d’Italia ha reso noto che in esecuzione del contratto del 26 giugno 2017 per la cessione a Intesa Sanpaolo s.p.a. di certe attività, passività e rapporti giuridici di Banca Popolare di Vicenza s.p.a. Banca Popolare Vicenza Logoin liquidazione coatta amministrativa e di Veneto Banca s.p.a. in liquidazione coatta amministrativa e in particolare degli obblighi richiamati nelle comunicazioni pubblicate in data 23 maggio 2019, e del contratto di stipulato l’11 aprile 2018 con Società per la Gestione di Attività – Sga s.p.a. (ora Amco – Asset Management Company s.p.a.):

– con contratti perfezionati, rispettivamente, il 12 e il 13 settembre 2019, entrambi con efficacia a partire dal 12 ottobre 2019, Intesa Sanpaolo s.p.a. ha retrocesso a Banca Popolare di Vicenza s.p.a. in l.c.a. e a Veneto Banca s.p.a. in l.c.a. una seconda tranche di “crediti ad alto rischio o High Risk riclassificati”;
– con contratti perfezionati l’11 ottobre 2019, Banca Popolare di Vicenza S.p.A. in l.c.a. e Veneto Banca s.p.a. in l.c.a. hanno poi ceduto – con efficacia sempre a partire dal 12 ottobre 2019 – i crediti “ad alto rischio o High Risk riclassificati” ricevuti con i contratti di cui al punto precedente alla Amco;
– con contratti perfezionati il 13 settembre 2019, con efficacia a partire dal 12 ottobre 2019, Banca Comerciale Intesa Sanpaolo Romania s.a., Intesa Sanpaolo Bank Albania Sh.a. e Banca Commerciale Eximbank s.a. (con sede legale in Moldavia) hanno retrocesso a Veneto Banca s.p.a. in l.c.a. ulteriori “crediti ad alto rischio o High Risk riclassificati”.

Delle cessioni sopra indicate si dà notizia ai sensi e per gli effetti dell’art. 3, comma 2, dell’art. 4, comma 6, e dell’articolo 5, comma 1, del D.L. n. 99/2017.