Cessione del quinto: le novità emerse dal confronto tra Inps, Mef, Abi e Assofin promosso da Spefin

195

Credito Confidi Cessione del Quinto BonificiTrend e scenari relativi alla cessione del quinto sono stati al centro di un confronto tra Inps, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Abi e Assofin, promosso da Spefin nell’ambito del Leadership Forum Summer 2019.

L’Inps ha presentato un progetto di dematerializzazione dei flussi documentali, ormai da anni allo studio e che finalmente consentirà a breve, agli istituti bancari e finanziari, di aderire a un protocollo che consentirà, tra le varie novità, di inviare la documentazione in formato digitale. Si è parlato inoltre del nuovo portale dedicato alle banche e istituti finanziari (Inps-to-business), che consentirà la gestione unificata di molteplici canali di servizi, di cui il primo rilasciato sarà quello inerente ai flussi finanziari, ora innovato nella modalità di accesso e consultazione dati.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha presentato ulteriori aggiornamenti sull’evoluzione del processo di dematerializzazione a livello nazionale, nonché uno studio geosettoriale in tema di contratti di finanziamento mediante cessione del quinto e delegazione di pagamento.

L’ Assofin ha illustrato gli sforzi dell’associazione nel collaborare con le istituzioni in tema di cessione del quinto, per rappresentare le proposte degli operatori e quindi contribuire fattivamente a questo processo di evoluzione procedurale, operativa e tecnologica.

L’intervento dell’Abi ha riguardato le novità inerenti la legge 26/2019 di conversione del decreto legge 4/2019 in tema di reddito di cittadinanza e pensioni, ma soprattutto di criteri di erogazione del trattamento di fine servizio (Tfs), prossimo a essere interessato da una convenzione emanata d’intesa tra il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministro dell’Economia e delle Finanze, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Associazione bancaria italiana, sentito l’Inps, a cui banche e intermediari finanziari interessati potranno aderire per la concessione di tale indennità applicando un tasso convenzionale alla clientela.

Il confronto, moderato da Carlo Cerilli, head of legal department and corporate affairs di Spefin Finanziaria, si è chiuso con un intervento di Alessandro Galimberti, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia e Redattore de Il Sole24 Ore, che ha preso spunto dagli interventi degli altri relatori, analizzando i temi trattati da un punto di vista economico, finanziario e sociale.

Per approfondimenti sono disponibili per il download gli abstract degli interventi dell’INPS e del Ministero dell’Economia e delle Finanze

http://spefin.it/company-event-spefin-lf-2019-summer/