Claudio Brambilla, amministratore delegato Finanziaria Familiare: “Puntiamo a trasferire il know-how del Gruppo Tecnocasa al settore della cessione del quinto. Siamo pronti a iscriverci al nuovo albo degli intermediari finanziari”

Brambilla, Finanziaria FamiliareVolumi di produzione in costante crescita, ampliamento della gamma dei prodotti, una forte organizzazione per assistere i clienti e la rete degli agenti: sono queste le principali caratteristiche che rendono oggi Finanziaria Familiare S.p.a. una delle realtà più dinamiche nel settore della cessione del quinto dello stipendio. Fondata nel 2005, la società è stata successivamente acquisita dal Gruppo Tecnocasa, che detiene attualmente oltre l’80% dell’azienda. Nel gennaio 2015 Ibl Banca ha perfezionato l’acquisto di una quota pari al 9,90% delle azioni, contribuendo a irrobustire ulteriormente la compagine societaria. Abbiamo incontrato nel suo ufficio di Roma Claudio Brambilla, da febbraio del 2014 amministratore delegato della società, per parlare con lui dei risultati raggiunti, dei recenti sviluppi che hanno interessato l’azienda e dei progetti in cantiere.

Cominciamo dai numeri. Come è andato il primo semestre 2015?
Nel 2014 abbiamo liquidato circa 85 milioni di euro di cessione del quinto. L’obiettivo di quest’anno è superare i 100 milioni. Abbiamo chiuso il primo semestre 2015 a 50 milioni, con una crescita su base annua del 20%, e dunque siamo perfettamente in linea con le aspettative di crescita. Parallelamente stiamo lavorando per sviluppare la rete degli agenti, che da inizio anno sono cresciuti di 30 unità.

Da poche settimane avete iniziato a erogare direttamente le operazioni di cessioni del quinto. Quali sono le ragioni di una simile scelta?
Stiamo anticipando quanto stabilito dalla circolare n.28 del 3 aprile 2015 di Banca d’Italia, che prevede per le nuove finanziarie 106 la prevalenza dell’attività di erogazione. Proprio in questo mese sono state erogate direttamente da Finanziaria Familiare spa le prime pratiche di cessione del quinto. La società inoltre collabora anche con altri quattro operatori intermediari: Ibl Banca, Unifin, Futuro e Accedo, con i quali abbiamo da tempo degli accordi distributivi di convenzione. L’impegno principale di quest’anno è stato quello di realizzare una nuova piattaforma operativa in grado di gestire ogni singolo aspetto dell’istruttoria della cessione del quinto: le pratiche dirette, quelle intermediate con gli istituti convenzionati e il post vendita. Inoltre tutti i nostri agenti hanno la possibilità di caricare direttamente le pratiche nel nostro nuovo sistema operativo. Finanziaria Familiare spa ha ottenuto un plafond come prima linea di credito specifica; e pensiamo che entro l’anno riusciremo ad attivarne una seconda. Per il futuro la nostra intenzione è di crescere ancora di più attraverso sia la produzione di erogazione diretta ma anche attraverso intermediazione con le banche convenzionate.

Pensate di ampliare la vostra rete?
Sì. Entro la fine dell’anno vorremmo ampliare la rete dei nostri agenti e passare dagli attuali 81 a 100-110.

Come avviene il recruiting?
Abbiamo sei area manager dedicati alla sviluppo della rete, ognuno dei quali segue una zona specifica. Sono loro che si occupano di selezionare gli agenti e successivamente di coordinare la loro attività.

Perché un agente dovrebbe scegliere di lavorare con voi?
Perché abbiamo molte cose da offrire: l’erogazione diretta delle operazioni di cessione del quinto, ottime convenzioni con quattro importanti istituti, un’ampia offerta (i nostri agenti possono collocare il mutuo, i prestiti personali e le polizze assicurative), la garanzia di un eccellente servizio dedicato agli agenti grazie a un back office in cui lavorano oltre 30 persone e una solidità patrimoniale e organizzativa assicurata dal Gruppo Tecnocasa e da Ibl Banca.

Prossimi obiettivi?

Fare domanda di iscrizione al nuovo albo degli intermediari 106 che sarà gestito dalla Banca d’Italia. Infatti è più di un anno che stiamo lavorando per raggiungere questo traguardo. Abbiamo un capitale adeguato, un sistema di controllo e di certificazione documentale effettuato da una società indipendente leader del settore antifrode e tutti i requisiti richiesti dalla nuova disciplina. Oggi siamo pronti a offrire ai nostri agenti e ai clienti un servizio efficiente e una serie di prodotti adatti alle loro esigenze.

Claudio Brambilla, amministratore delegato Finanziaria Familiare: “Puntiamo a trasferire il know-how del Gruppo Tecnocasa al settore della cessione del quinto. Siamo pronti a iscriverci al nuovo albo degli intermediari finanziari” ultima modifica: 2015-07-31T12:27:21+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: