CML, erogato lordo mutui in aumento a giugno: +16%

Puntuale, il Council of Mortgage Lenders (CML) ha pubblicato i dati relativi all’erogato mutui del mese di giugno: il totale lordo ha raggiunto i 12,6 miliardi di sterline che corrispondono a un +16% rispetto al precedente mese di maggio, quando, complessivamente, l’erogato ha sfiorato gli 11 miliardi di sterline (10,8).

Come il CML ha sottolineato nel proprio rapporto, il risultato di giugno è il più alto raggiunto dal luglio dello scorso anno quando l’erogato lordo mutui è stato pari a 13,3 miliardi di sterline: un valore sicuramente significativo ma accompagnato da un segno meno nel rapporto con giugno 2010: -3% e 13 miliardi totali.

L’erogato lordo complessivo per il secondo trimestre del 2011 è stato stimato dal Council of Mortgage Lenders in 33 miliardi di sterline, l’11% in più rispetto ai primi tre mesi dell’anno quanto sono stati concessi mutui per 30 miliardi di sterline, ma in calo del 3% rispetto al secondo trimestre del 2010 (34,4). Per quanto riguarda invece le cifre relative a questa prima metà dell’anno, l’erogato lordo per i mutui è stato pari a 63,7 miliardi di sterline: un valore leggermente più basso rispetto ai primi sei mesi del 2010 quando si raggiunse quota 64,1 miliardi.

Brian Murphy, bureau head of lending di Mortgage Advice Bureau (istituto di credito indipendente inglese), ha dichiarato: “Il mercato dei mutui non si è ancora ripreso del tutto, anche se non è ai livelli degli anni passati quando la situazione era ben più complessa; il mese di giugno ne è una chiara dimostrazione”.

“Sicuramente – ha concluso Murphy – una serie di fattori stagionali hanno influito sui risultati relativi al mese di giugno. Ma è stato così anche ad aprile, mese pesantemente condizionato dalle vacanze di pasqua e dalle nozze reali che hanno contribuito a elevare il numero di giorni festivi e quindi di sportelli bancari chiusi”.

CML, erogato lordo mutui in aumento a giugno: +16% ultima modifica: 2011-07-25T09:57:47+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: