CML, in calo le previsioni di erogato lordo per il 2011 e 2012

Il Council of Mortgage Lenders (CML) ha abbassato le proprie previsioni, sia per la fine di quest’anno sia per il prossimo, relativamente al volume di erogato lordo destinato ai mutui. Infatti, per il 31 dicembre si è passati da una previsione di 140 miliardi di sterline a 138 miliardi. Più consistente l’aggiustamento al ribasso relativo al 2012: dai 150 miliardi di sterline previsti in origine il CML ha indicato in 133 miliardi una quota previsionale più plausibile in virtù del debole contesto economico attuale.

I dati risentono della difficoltà del mercato immobiliare che continuerà a mantenersi su bassi livelli anche per il prossimo anno: 825.000 operazioni stimate nel 2012 contro le 852.000 del 2011.

Secondo il CML ci sarà una crescita, il prossimo anno, pari al +21,6% dei pignoramenti. Il totale di pignoramenti previsti per il 2012 è pari a 45.000, un numero ben superiore rispetto ai 37.000 di quest’anno che concorrerà a inasprire la pressione finanziaria a cui sono soggette le famiglie inglesi, dopo due anni in cui si era assistito a un incoraggiante calo dei pignoramenti.

Bob Pannell, chief economist al CML, ha osservato: “Il debole stato dell’economia sommato alle difficoltà in cui si trovano molte famiglie e consumatori contribuisce a creare incertezza e pessimismo circa una ripresa del mercato immobiliare e dei mutui. Nonostante le transazioni siano su bassi livelli da diversi anni – ha aggiunto Pannell – lo scenario che abbiamo tratteggiato continua a essere sconfortante sia per i volumi di erogazione dei mutui sia per l’attività di compravendita immobiliare. Questo contesto sarà valido almeno fino quando non si stabilizzeranno i redditi reali dei consumatori e l’inflazione non allenterà la pressione”.

Pannell ha sottolineato come anche le banche in condizioni tanto complesse e alle prese con la difficoltà nel reperire funding potrebbero condizionare negativamente la ripresa del mercato dei mutui, stringendo ancor di più le maglie del credito il prossimo anno.

“Se i leader europei sapranno affrontare insieme e con efficacia i problemi che affliggono l’Eurozona, attenuando le tensioni sui mercati finanziari – ha concluso Pannell – allora non sarà impossibile una ripresa del mercato dei mutui, anche in tempi relativamente brevi. Le prospettive di crescita nel Regno Unito potrebbero essere interessanti e contribuirebbero al miglioramento del livello di fiducia delle famiglie e, di conseguenza, all’aumento delle domande di finanziamento.

CML, in calo le previsioni di erogato lordo per il 2011 e 2012 ultima modifica: 2011-12-16T10:48:42+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: