Conafi Prestitò, 2009 chiuso con una perdita di esercizio consolidata da 8,7 milioni

Le commissioni nette sono pari a 7,4 milioni di euro, rispetto ai 7,8 milioni di euro al 31/12/2008; tale risultato incorpora l’effetto straordinario del risconto passivo pari a 2,2 milioni di euro relativo alla gestione del portafoglio e alle future estinzioni, stimato a seguito delle richieste e delle indicazioni fornite dalla Banca d’Italia agli intermediari bancari e finanziari nel corso del 2009. A fronte di una produzione intermediata (montante lordo) relativa ai prodotti finanziari di cessione del quinto e prestiti personali per le famiglie pari nel 2009 a 85,9 milioni di euro, rispetto ai 114,4 milioni di euro del 2008, la marginalità delle commissioni aumenta sensibilmente da 6,8% a 8,5%.

Il margine di intermediazione consolidato è pari a 8,7 milioni di euro nel 2009, rispetto agli 11,8 milioni di euro al 31/12/2008. Si precisa che, al netto degli interessi attivi sulla giacenza di cassa pari a 4,2 milioni di euro nel 2008 e pari a 1,6 milioni di euro nel 2009, il margine si attesterebbe a circa 7,1 milioni di euro nel 2009, in linea con il risultato del 2008 pari a 7,6 milioni di euro.
Il margine di intermediazione consolidato è pari a 8,7 milioni di euro.
Il risultato della gestione operativa è negativo per 9,1 milioni di euro, rispetto alla perdita di 2,1 milioni di euro al 31/12/2008. Il dato recepisce la maggiore svalutazione, effettuata in ottica prudenziale, dei crediti pari a 3,4 milioni di euro e degli avviamenti pari a 1,4 milioni di euro. Pertanto il risultato della gestione operativa 2009 al netto dell’impatto di tali eventi straordinari sopra descritti (risconto passivo, svalutazione crediti e avviamenti), si attesta ad un valore negativo pari a 2,3 milioni di euro, in linea con il risultato del 2008.
La perdita di esercizio consolidata si attesta a 8,7 milioni di euro, rispetto alla perdita netta di 2,1 milioni di euro al 31/12/2008.
La Posizione Finanziaria Netta consolidata è attiva ed è pari a 65,0 milioni di euro rispetto a 67,5 milioni di euro al 30 settembre 2009.

Il presidente Chiolo, ha così commentato: “Il 2009 è stato un anno di grande turbolenza per il nostro settore che ha visto sommarsi agli effetti della crisi finanziaria generale le conseguenze derivanti da comportamenti miopi di alcuni operatori. Solo sul finire dell’anno il mercato pare aver trovato un nuovo equilibrio, diverso dal passato. Pertanto, al di là dell’impatto sul conto economico 2009, ancorché prevalentemente riconducibile ad eventi straordinari, nutro oggi aspettative più ottimiste sul futuro. Nel 2010 riteniamo di poter cogliere le interessanti opportunità del nostro mercato di riferimento, rese disponibili dalla maggiore trasparenza dello stesso, e pertanto a esso rivolgiamo in questo momento prevalentemente la nostra attenzione. La rifocalizzazione dell’azienda sul core business avverrà anche attraverso lo sviluppo della rete commerciale più improntato al controllo diretto del canale distributivo”.

Leggi la nota completa

Conafi Prestitò, 2009 chiuso con una perdita di esercizio consolidata da 8,7 milioni ultima modifica: 2010-04-01T13:47:19+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: