Conafi Prestitò, approva i risultati al 31 marzo 2010: il risultato della gestione operativa registra una perdita di 1.205 migliaia di euro

Il consiglio di amministrazione, presieduto da Nunzio Chiolo, presidente e amministratore delegato di Conafi Prestitó, società quotata sul mercato MTA, specializzata nel settore dei finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio (CQS) o pensione (CQP) e delegazione di pagamento (DP), ha approvato i risultati al 31 marzo 2010.

Sebbene i primi mesi dell’anno abbiano ancora risentito delle criticità che hanno lungamente interessato il nostro settore – ha dichiarato Nunzio Chiolo, presidente e amministratore delegato di Conafi Prestitò S.p.A. -, l’andamento dei finanziamenti acquisiti registra una significativa crescita, che ci attendiamo proseguire nei prossimi mesi. La progressiva normalizzazione del settore ha consentito alla nostra società di accelerare il processo di rifocalizzazione delle attività sul core business della cessione del quinto, e ci permette di pianificare con maggiore visibilità i nostri programmi di sviluppo commerciale. In tale contesto ritengo che Conafi possa tornare ad esprimere le proprie potenzialità conseguendo gli obiettivi e percorrendo con determinazione le nuove linee strategiche che comunicheremo al mercato entro il mese di luglio di quest’anno”.

Risultati consolidati al 31 marzo 2010
Il margine di intermediazione nei primi tre mesi del 2010 si è attestato a 1.854 migliaia di euro, rispetto a 2.501 migliaia di euro dello stesso periodo dell’esercizio precedente (-25,9%).
Tale decremento è imputabile al minor margine di interesse (-44,2%), per effetto in parte della flessione dei tassi di interessi applicati sui conti correnti bancari e in parte della minore giacenza media dei primi tre mesi del 2010, nonché alle minori commissioni nette (-20,2%).
I ricavi derivanti dai finanziamenti e servizi alle imprese operanti nei settori della finanza ordinaria, straordinaria e agevolata conseguiti nei primi tre mesi del 2010, sono stati pari a 407 migliaia di euro rispetto ai 388 migliaia di euro dello stesso periodo del 2009, con un incremento di circa il 5%( La produzione del 2010 comprende i ricavi di Alta Italia Servizi pari a 96 migliaia di Euro, società che nel 2009 non faceva ancora parte del perimetro di consolidamento. 2 I volumi del I trimestre 2009 comprendono la produzione di Uniprestit S.p.A., pari a 2.365 migliaia di Euro, società non più attiva nel corso del 2010).

La produzione intermediata, relativa a prodotti finanziari per le famiglie, si è attestata a 11.884 migliaia di euro, rispetto ai 19.909 migliaia di euro dello stesso periodo del 2009, con una riduzione di circa il 40,3%.
Il montante lordo e il numero di pratiche approvate nei tre mesi evidenziano tuttavia un progressivo e costante incremento mensile come mostra la seguente tabella:

CONTRATTI APPROVATI
2010                               Gennaio        Febbraio       Marzo
Numero pratiche               134              183              320
% di crescita mensile                            37%             75%
Montante Lordo (€)            2.733.708   4.016.688     7.670.856
% di crescita mensile                            47%             91%

Il confronto tra l’andamento delle commissioni nette e quello della produzione intermediata (-40,3%2) evidenzia peraltro la maggiore marginalità media dei prodotti finanziari collocati nel 2010.
Il risultato della gestione operativa registra una flessione di 706 migliaia di euro passando da una perdita di 499 migliaia di euro dei primi tre mesi del 2009 ad una perdita di 1.205 migliaia di euro al 31 marzo 2010.
La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2010 è positiva e ammonta a 62.311 migliaia di euro, rispetto a 68.650 migliaia di euro al 31 dicembre 2009.

Fatti di rilievo avvenuti nel primo trimestre 2010
Si segnalano i seguenti eventi significativi avvenuti nel primo trimestre 2010:
in data 28 gennaio 2010 il consiglio di amministrazione di Conafi Prestitò ha approvato l’ampliamento del piano di acquisto di azioni proprie, autorizzando l’acquisto di ulteriori azioni proprie fino al raggiungimento di un massimo del 8,5% del capitale sociale;
in data 11 febbraio 2010 la controllata HPB ha acquisito il restante 49% di Via Advisors Corporate Finance incrementando così la propria partecipazione al 100% del capitale sociale. Il corrispettivo per l’acquisto è stato pagato con complessive n. 320.000 azioni proprie Conafi;
in data 24 febbraio 2010 la controllata HPB ha acquisito il restante 40% di Progefin S.r.l., incrementando così la propria partecipazione al 100% del capitale sociale. Il corrispettivo per l’acquisto è stato pagato con complessive n. 30.000 azioni proprie Conafi (per la quota del 30%) e in contanti pari a € 10.000 (per la quota del 10%);

Alla data del 31 marzo 2010 Conafi Prestitò detiene complessivamente n. 2.713.236 azioni

Leggi il comunicato completo

Conafi Prestitò, approva i risultati al 31 marzo 2010: il risultato della gestione operativa registra una perdita di 1.205 migliaia di euro ultima modifica: 2010-05-27T10:27:45+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: