Conafi Prestitò: perdita netta pari a Euro 1,81 milioni

{jcomments on}.

Il consiglio di amministrazione presieduto da Nunzio Chiolo, presidente e amministratore delegato di Conafi Prestitò, società quotata sul mercato MTA, specializzata nel settore dei finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio (CQS) o pensione (CQP) e delegazione di pagamento (DP), ha approvato in data odierna i dati relativi al primo semestre 2010.

Il presidente Chiolo, ha così commentato: “Sebbene il primo semestre risenta dell’andamento dei primi mesi dell’anno, abbiamo con soddisfazione chiuso un secondo trimestre in significativa crescita sia in termini di risultati economico-finanziari che di produzione, a conferma di un trend positivo che beneficia della progressiva normalizzazione del settore, unitamente alla stabilizzazione dell’economia globale. Inoltre il riordino in atto della rete distributiva nonché le norme sulla trasparenza nel settore del credito al consumo contenute nella direttiva europea 2008/48 recentemente recepita in Italia dal Consiglio dei Ministri del 30 luglio, creano i migliori presupposti per il raggiungimento degli obiettivi espressi nel piano strategico”.

Risultati economico-finanziari consolidati al 30 giugno 2010
Il margine di intermediazione è pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni nel I semestre 2009). Il risultato risente della riduzione dei volumi erogati e della riduzione della giacenza media della liquidità di conto. Le commissioni nette si attestano a Euro 3,63 milioni contro Euro 5,04 milioni dell’analogo periodo dell’esercizio precedente.
Il risultato della gestione operativa è negativo per Euro 1,91 milioni (negativo per Euro 0,32 milioni al 30 giugno 2009). Si registrano spese amministrative sostanzialmente stabili e pari a Euro 5,96 milioni (Euro 5,65 milioni al 30 giugno 2009).
La perdita netta di competenza del gruppo è pari a Euro 1,81 milioni (Euro 0,45 milioni nel

I semestre 2009).
La posizione finanziaria netta è attiva e si attesta a Euro 56,48 milioni rispetto a Euro 62,31 milioni al 31 marzo 2010.

Commento all’attività operativa
L’andamento del primo semestre, pur mantenendosi complessivamente inferiore rispetto al 2009, registra un significativo miglioramento nei principali indicatori economico finanziari nel secondo trimestre rispetto al primo:
– In crescita del 23% il margine di intermediazione
– In aumento del 41% il risultato della gestione operativa
– In riduzione del 40% la perdita di esercizio della capogruppo

I dati della produzione confermano il deciso miglioramento: il montante lordo si attesta nel secondo trimestre a Euro 49,56 milioni con una crescita dell’86% rispetto al primo trimestre.
L’analoga variazione nel 2009 era pari a 49%.

Programma buy-back
Nel corso del 2010, in attuazione al programma di acquisto di azioni proprie in scadenza il 30 ottobre 2011, il Gruppo Conafi ha proceduto all’acquisto di 610.450 azioni per un controvalore totale pari a 592.175 euro.

Al 30/06/2010 Conafi Prestitò detiene complessivamente n. 3.177.586 azioni proprie, pari al 6,83352% del capitale sociale per un controvalore pari a 4.499.247 Euro.

Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura del semestre

Nel mese di luglio 2010 sono state condivise le linee strategiche per il periodo 2010-2013, che tracciano un percorso finalizzato al raggiungimento del break-even nell’esercizio 2010 e al ritorno all’utile a partire dal 2011.

In sintesi, i principali obiettivi del piano:
_ crescita dei volumi nel core business, tramite il rafforzamento dei canali commerciali e lo sviluppo di una rete distributiva monomandataria;
_ valorizzazione degli investimenti nel settore corporate, tramite il consolidamento delle società prodotto attraverso strategie di cross selling e progettazione di servizi innovativi alle imprese attraverso la controllata Network e Business S.r.l.;
_ gestione attiva della dotazione patrimoniale, con impiego delle disponibilità liquide in chiave industriale a supporto della crescita organica nel core business e in funzione di opportunità di investimento sul mercato secondario ad elevato rendimento atteso.

Leggi la relazione completa

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

Conafi Prestitò: perdita netta pari a Euro 1,81 milioni

Conafi Prestitò ha approvato la relazione semestrale al 30 giugno 2010: il margine di intermediazione consolidato è pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni al IH2009); la perdita netta di competenza del gruppo è pari a Euro 1,81 milioni (perdita netta pari a Euro 0,45 milioni al IH2009); nel secondo trimestre in significativa ripresa: +86% il montante lordo, +23% il margine di intermediazione rispetto al IQ2010; la posizione finanziaria netta attiva e pari a Euro 56,48 milioni (Euro 62,31 milioni al 31 marzo 2010).

Il consiglio di amministrazione presieduto da Nunzio Chiolo, presidente e amministratore delegato di Conafi Prestitò, società quotata sul mercato MTA, specializzata nel settore dei finanziamenti con rimborso mediante cessione del quinto dello stipendio (CQS) o pensione (CQP) e delegazione di pagamento (DP), ha approvato in data odierna i dati relativi al primo semestre 2010.

Il presidente Chiolo, ha così commentato: “Sebbene il primo semestre risenta dell’andamento dei primi mesi dell’anno, abbiamo con soddisfazione chiuso un secondo trimestre in significativa crescita sia in termini di risultati economico-finanziari che di produzione, a conferma di un trend positivo che beneficia della progressiva normalizzazione del settore, unitamente alla stabilizzazione dell’economia globale. Inoltre il riordino in atto della rete distributiva nonché le norme sulla trasparenza nel settore del credito al consumo contenute nella direttiva europea 2008/48 recentemente recepita in Italia dal Consiglio dei Ministri del 30 luglio, creano i migliori presupposti per il raggiungimento degli obiettivi espressi nel piano strategico”.

Risultati economico-finanziari consolidati al 30 giugno 2010
Il margine di intermediazione è pari a Euro 4,14 milioni (Euro 5,96 milioni nel I semestre 2009). Il risultato risente della riduzione dei volumi erogati e della riduzione della giacenza media della liquidità di conto. Le commissioni nette si attestano a Euro 3,63 milioni contro Euro 5,04 milioni dell’analogo periodo dell’esercizio precedente.
Il risultato della gestione operativa è negativo per Euro 1,91 milioni (negativo per Euro 0,32 milioni al 30 giugno 2009). Si registrano spese amministrative sostanzialmente stabili e pari a Euro 5,96 milioni (Euro 5,65 milioni al 30 giugno 2009).
La perdita netta di competenza del gruppo è pari a Euro 1,81 milioni (Euro 0,45 milioni nel

I semestre 2009).
La posizione finanziaria netta è attiva e si attesta a Euro 56,48 milioni rispetto a Euro 62,31 milioni al 31 marzo 2010.

Commento all’attività operativa
L’andamento del primo semestre, pur mantenendosi complessivamente inferiore rispetto al 2009, registra un significativo miglioramento nei principali indicatori economico finanziari nel secondo trimestre rispetto al primo:
– In crescita del 23% il margine di intermediazione
In aumento del 41% il risultato della gestione operativa
In riduzione del 40% la perdita di esercizio della capogruppo

I dati della produzione confermano il deciso miglioramento: il montante lordo si attesta nel secondo trimestre a Euro 49,56 milioni con una crescita dell’86% rispetto al primo trimestre.
L’analoga variazione nel 2009 era pari a 49%.

Programma buy-back
Nel corso del 2010, in attuazione al programma di acquisto di azioni proprie in scadenza il 30 ottobre 2011, il Gruppo Conafi ha proceduto all’acquisto di 610.450 azioni per un controvalore totale pari a 592.175 euro.

Al 30/06/2010 Conafi Prestitò detiene complessivamente n. 3.177.586 azioni proprie, pari al 6,83352% del capitale sociale per un controvalore pari a 4.499.247 Euro.

Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura del semestre

Nel mese di luglio 2010 sono state condivise le linee strategiche per il periodo 2010-2013, che tracciano un percorso finalizzato al raggiungimento del break-even nell’esercizio 2010 e al ritorno all’utile a partire dal 2011.

In sintesi, i principali obiettivi del piano:
_ crescita dei volumi nel core business, tramite il rafforzamento dei canali commerciali e lo sviluppo di una rete distributiva monomandataria;
_ valorizzazione degli investimenti nel settore corporate, tramite il consolidamento delle società prodotto attraverso strategie di cross selling e progettazione di servizi innovativi alle imprese attraverso la controllata Network e Business S.r.l.;
_ gestione attiva della dotazione patrimoniale, con impiego delle disponibilità liquide in chiave industriale a supporto della crescita organica nel core business e in funzione di opportunità di investimento sul mercato secondario ad elevato rendimento atteso.

Leggi la relazione completa

Conafi Prestitò: perdita netta pari a Euro 1,81 milioni ultima modifica: 2010-08-26T18:25:40+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: