Concrete Investing: 12,8 mln raccolti nel 2021. In due anni di attività raggiunti 18,6 mln

Concrete LogoNumeri in crescita nel 2021 per Concrete Investing, il portale di equity crowdfunding autorizzato da Consob: 12,8 milioni raccolti, 5 offerte portate a termine con successo e tre exit realizzate con un Irr medio superiore al 10%.

La società raggiunge, in due anni di attività, un totale di 18,6 milioni di euro di raccolta complessiva, 10 progetti immobiliari proposti, oltre 1.200 investitori coinvolti e 3 exit per un ammontare totale liquidato di circa 3,5 milioni di euro, il 20% del totale raccolto.

La nostra strategia ci ha permesso di affrontare in modo molto positivo un periodo di grande incertezza, incontrando l’apprezzamento sia degli investitori professionali e reatil sia di operatori real estate strutturati. Il 2020 è stato un anno di forte crescita che ha visto triplicare il capitale raccolto e il numero di investitori coinvolti rispetto all’anno precedente, rafforzare il network con nuovi developers immobiliari di rilievo e remunerare con i ritorni attesi gli investitori di tre operazioni” dichiara Lorenzo Pedotti, ceo di Concrete Investing.

Numeri importanti che, realizzati in un anno in cui l’economia globale è stata colpita da una profonda crisi dovuta all’emergenza sanitaria, risultano ancora più significativi.

Già nei primi mesi del 2020 Concrete Investing si era distinta per un risultato importante: la prima exit del portale, quella per il progetto Torre Milano, che ha fruttato ai sottoscrittori del progetto proposto da Impresa Rusconi e Storm.it un rendimento dell’11,86% dopo 12 mesi.

A questo traguardo ne è subito seguito un altro: l’offerta record (ad oggi la seconda più alta mai realizzata in Italia) per il progetto Washington Building che ha raccolto 3,3 milioni di euro. Ma dopo pochi mesi Concrete Investing è riuscita nuovamente a superarsi battendo il suo stesso record grazie alla campagna a favore del progetto Varese 10 che ha raccolto 3,8 milioni di euro, ad oggi record italiano per il crowdfunding immobiliare.

Concrete Investing nel 2020 ha realizzato anche:

  • 3 raccolte: la prima, in ordine cronologico, è stata quella a favore di Park Towers Milano, nuovo sviluppo residenziale di Bluestone e firmato da Asti Architetti, che ha raccolto adesioni per 2,5 milioni di euro a fronte di un obiettivo massimo di 2 milioni, coinvolgendo oltre 150 investitori con un IRR atteso del 18,10%. A seguire Concrete Investing ha aperto la campagna da 2,5 milioni di euro per Gate Central-Colonne di San Lorenzo, un prestigioso progetto di Gruppo Building nel cuore di Milano firmato dallo studio Citterio-Viel&Partners. E, ancora, nel mese di novembre, si è aperta e chiusa in pochissime ore la raccolta per Vasari3 sviluppo residenziale nel cuore del quartiere Porta Romana, che ha centrato l’obiettivo massimo di 1,2 milioni di euro.
  • 2 ulteriori exit: una a favore del progetto Le Dimore di Via Arena, prestigioso sviluppo residenziale di Immobiliare Percassi nel cuore di Bergamo Alta, che ha consentito di remunerare con il 10,13 % gli investitori a distanza di 12 mesi; e la exit per Elle Building, complesso residenziale sviluppato da gruppo Borgosesia che sorgerà a Milano in via Lattanzio-per cui gli investitori sono stati remunerati con un ritorno definitivo (Roi) del 12,75% dopo 15 mesi.

Nel 2021 continueremo ad impegnarci nella selezione di operazioni immobiliari in linea con i nostri criteri, e, in linea anche con la nuova normativa a livello comunitario, nella valutazione di nuovi strumenti finanziari, nel miglioramento dell’esperienza digitale dei servizi online e nel rafforzamento del monitoraggio dei progetti già finanziati. Già dai primi giorni del 2021 daremo la possibilità agli investitori di valutare nuove operazioni di primario rilievo”, conclude Pedotti.