Confidi: il 22 e il 23 febbraio, a Firenze, 12esima edizione di Confires

Confidi Confidi Cessione del Quinto BonificiGiovedì 22 e venerdì 23 febbraio 2018, al Grand Hotel Baglioni di Firenze, si terrà la 12a edizione di Confires.

I confidi, ormai intermediari finanziari a tutti gli effetti, stanno faticosamente cambiando da enti mutualistici a protagonisti del credito e della finanza. È una metamorfosi complessa, faticosa, difficile, per la costante evoluzione delle normative, la crisi del mercato delle Pmi, il mantenimento delle radici mutualistiche che, se da una parte costituiscono una ricchezza, dall’altra sono un freno alla crescita.

Il confidi si delinea come fulcro tra la crescente richiesta di credito del mondo imprenditoriale, le difficoltà del settore bancario, la distribuzione degli incentivi provenienti da fondi pubblici nazionali ed europei. Di questa difficile alchimia, si parlerà al convegno, con la guida scientifica del professor Lorenzo Gai che aprirà i lavori con il quadro regolamentare del settore, per proseguire poi con finanziarie regionali e finanziamento pubblico ai confidi. Coordinerà i lavori Gianluca Puccinelli, presidente di Res Consulting, con una serie di tavole rotonde sulle ispezioni di vigilanza, l’impatto delle authorities sull’attività dei confidi e le prospettive di crescita sia per i confidi più piccoli che quelli più grandi.

Concluderà i lavori delle giornate il professor Gai parlando delle prospettive e delle opportunità di mercato, in merito alle quali dibatteranno i più importanti attori e stakeholder del comparto creditizio.

Molte le testimonianze presenti: Mef, Mise, finanziarie regionali, Oam, Garante Privacy, Banca d’Italia e poi banche, associazioni di categoria, Crif, Cerved e tanti altri, per cercare opportunità e favorire lo sviluppo delle Pmi.

“Organizziamo questo convegno da ormai 12 anni perché i confidi hanno bisogno di una ‘piazza’ fisica e anche virtuale, dove farsi vedere, comunicare la loro esistenza, affermare il loro lavoro, alla costante ed incessante ricerca di un percorso di sviluppo – ha dichiarato Puccinelli -. Sono anni che i confidi cercano un’adeguata redditività e un riconoscimento preciso. I tempi sono maturi per poter fare questo salto di qualità, a condizione che i confidi diventino ‘protagonisti di loro stessi’ e, consapevoli del loro valore, portino innovazione e competenze per spingere le autorità di vigilanza ad ampliare la loro, altrimenti angusta, operatività. Sono attesi pressoché tutti i confidi italiani, grandi e piccoli, si parla di circa 300 soggetti tra banche, mediatori creditizi, società finanziarie”.

Confidi: il 22 e il 23 febbraio, a Firenze, 12esima edizione di Confires ultima modifica: 2018-02-07T09:18:12+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: