Confidi, fusione per incorporazione di Cogart Cna in Confidare

Credito 11 ConfidiI consigli di amministrazione di Cogart Cna e di Confidare hanno stabilito la fusione per incorporazione del primo confidi con il secondo.

La sottoscrizione definitiva del relativo atto, spiega una nota, è prevista a fine settembre, ma la fusione avrà decorrenza effettiva dal prossimo 1 luglio.

A seguito della fusione Confidare si presenta quale il più grande e innovativo confidi in Piemonte e uno dei maggiori e meglio patrimonializzati confidi a livello nazionale: il Tier ed il Total Capital ratio del nuovo soggetto si colloca ben oltre il 15% e le imprese socie superano le 40 mila unità.

Confidare si conferma quale soggetto pienamente indipendente e autonomo (infatti con la fusione non nasce un confidi cosiddetto “unitario”), intersettoriale e intercategoriale, attivo a livello nazionale attraverso i numerosissimi uffici siti in Piemonte, le Filiali di Roma, Milano e gli uffici territoriali a Savona, a Napoli ed in altre realtà del nord e centro Italia.

Ferrari Adelio Giorgio e Gianmario Caramanna, nei rispettivi ruoli di presidente e di direttore generale, resteranno alla guida del nuovo soggetto cooperativo, mentre il presidente di Cogart, Enzo Innocente, sarà proposto per affiancare Luciano Paniate in seno alla vicepresidenza. Con la confermata Daniela De Andreis, vicedirettore e direttore amministrativo e affari generali, entrano nella vicedirezione anche Aldo Boffa (già direttore generale di Cogart Cna) quale neo vicedirettore e direttore rapporti istituzionali ed enti riassicurativi, e Milena Zotta quale vicedirettore e direttore crediti e convenzioni bancarie.

“Questa aggregazione, per certi versi anche dibattuta e sofferta nella prima fase del confronto – ha sottolineato il direttore generale, Gianmario Caramanna – costituisce un ulteriore segno di crescita nella discontinuità del nostro confidi che fin dal lontano 2003 ha avviato il proprio percorso, in permanente divenire, verso la massima professionalità ed eccellenza. Sono certo che le risorse umane provenienti da Cogart sapranno ben integrarsi nella nostra Squadra, offrendo un importante contributo allo sviluppo aziendale nel segno del merito e dell’efficientamento”.

“La fusione in atto ci riempie di orgoglio e come Amministratori – ha sottolineato il presidente, Adelio Giorgio Ferrari – salutiamo l’ingresso degli amici di Cogart e delle circa 20 mila imprese ad essa associate. Ciò ci consentirà di moltiplicare e ulteriormente migliorare l’impegno ed i servizi a favore delle Imprese socie, mantenendo saldi i valori che hanno fin qui accompagnato il nostro percorso. Un plauso particolare va anche alla struttura direzionale ed operativa del nostro confidi, anche in questa occasione all’altezza delle nostre migliori attese”.

Confidi, fusione per incorporazione di Cogart Cna in Confidare ultima modifica: 2018-06-18T11:55:03+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: