Confidi: Gdf arresta imprenditore di Carmagnola. Interdizione per due componenti del collegio sindacale

Confidi Cessione del QuintoGiorgio Lobbia, un imprenditore di Carmagnola di 71 anni, è stato arrestato  mentre  due componenti del collegio sindacale del confidi Alta Italia, Patrizio Pinto, 72 anni, e Carlo Cavalaglio, 75 anni, sono stati interdetti dall’esercizio di imprese e uffici direttivi. Questo il risultato dell’indagine della Guardia di Finanza, coordinata dal pm Francesca Traverso per la bancarotta fraudolenta aggravata del confidi Alta Italia, prosciugato di 300.000 euro.

Il denaro è stato sottratto falsificando i bilanci e il ruolo del collegio sindacale sarebbe stato determinante nel consentire di sottrarre quel denaro dalle risorse dell’azienda. 

Tra le modalità utilizzate per sottrarre liquidità dalle casse societarie, i Finanzieri hanno individuato l’acquisto di un quadro per 200.000 euro, anche se il valore reale era di mille. Anche dopo il fallimento del consorzio, poi, l’imprenditore si è riorganizzato con una nuova società, la Par.Fi.Bak (anche questa fallita), utilizzata per esercitare abusivamente l’attività di intermediazione finanziaria. A fronte del pagamento da parte di inconsapevoli clienti di somme di denaro a titolo di acconto per quasi 250.000 euro, la nuova impresa rilasciava fideiussioni completamente false. L’operazione della Guardia di Finanza ha portato anche a perquisizioni nel Torinese e nel Cuneese.

Confidi: Gdf arresta imprenditore di Carmagnola. Interdizione per due componenti del collegio sindacale ultima modifica: 2017-03-30T12:42:26+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: