Confidi, in Abruzzo grazie al bando “Credito è Crescita” finanziate 634 imprese

Fira LogoSi è tenuto nei giorni scorsi l’incontro tra il vicepresidente della giunta regionale abruzzese con delega alle Attività produttive Giovanni Lolli, il presidente di Fira, Finanziaria regionale abruzzese, Rocco Micucci, e i confidi regionali destinatari del bando “Credito è crescita”.

Nel corso dell’incontro, spiega una nota della Fira, Micucci ha illustrato ai presenti lo straordinario risultato ottenuto in soli 12 mesi di gestione del fondo. Attraverso l’attività della 1.2.4 del POR FERS, con una dotazione iniziale di 17.341.425 euro, sono state finanziate ben 634 aziende abruzzesi alle quali sono stati concessi finanziamenti per 50.896.010,23 euro e concesse garanzia per 30.459.255,12. In sostanza, il risultato dell’azione 1.2.4 è stata quella di dare una vera e propria boccata di ossigeno in un momento congiunturale negativo: attraverso la garanzia dei confidi, con questo fondo gestito dalla Fira, si è data la possibilità alle imprese di ottenere credito dalle banche per le attività ordinarie. 50 milioni di euro si sono così riversati sull’economia reale del territorio.

Dei 27 confidi beneficiari della I.2.4 solo 16 hanno raggiunto gli obiettivi di performance  previsti dal bando e per questo motivo  nei prossimi giorni riceveranno ulteriori fondi fino ad un massimo di 18 milioni di euro. La Fira a riguardo ha elaborato una proiezione al 31/12/2015 prevedendo  finanziamenti erogati per  euro 70.306.330,25 e garanzia concessa per euro 41.937.429,03.

Micucci ha sottolineato l’importanza della filiera del credito che si è creata tra la Regione Abruzzo, la Fira, i confidi e le banche a favore delle Pmi. Una misura che deve essere implementata e strutturata con altre misure come la “riassicurazione” dei confidi da parte di Fira, al fine di dare un importante sostegno alle imprese.

 

Confidi, in Abruzzo grazie al bando “Credito è Crescita” finanziate 634 imprese ultima modifica: 2015-05-20T14:05:42+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: