Confidi, in Sardegna imprese più competitive grazie a legge di riforma del sistema

Credito“Siamo soddisfatti: con la legge di riforma dei consorzi fidi attesa da molti anni e approvata dal consiglio regionale, finalmente le imprese sarde diventeranno più competitive grazie a un sistema più snello e stabile e a un percorso più semplice e certo di accesso al credito. Gli effetti della riforma si vedranno da subito anche sull’economia della Sardegna”. Lo ha dichiarato l’assessore della Programmazione e del Bilancio della Regione Sardegna Raffaele Paci dopo il via libera dell’Aula di via Roma alla legge di riforma dei confidi.

Le novità previste dalla legge sono tre: l’istituzione di un Fondo unico da 5 milioni presso l’assessorato della Programmazione che sostituirà i precedenti tre, collocati presso gli assessorati del Lavoro, dell’Artigianato e Commercio e dell’Industria, destinato a integrare i fondi rischi dei confidi;  la creazione di un Fondo di stabilizzazione, volontaristico, per cercare di prevenire i rischi di sistema; l’Osservatorio confidi.

“Le imprese sarde hanno bisogno di confidi sani, in grado di svolgere il ruolo di aiuto e sostegno nel processo di investimento. Perciò abbiamo riorganizzato un sistema che da anni ormai non riusciva più a dare risposte concrete alle esigenze delle imprese – ha spiegato Paci -. Con questa legge, la cui dotazione finanziaria sarà incrementata appena possibile, razionalizziamo, modernizziamo e rendiamo più efficiente il sistema Confidi, ai quali garantiamo un adeguato supporto regionale, rafforzando i meccanismi virtuosi di impiego delle risorse pubbliche e regolarizzando l’erogazione dei contributi per garantire e migliorare l’accesso al credito delle medie, piccole e micro imprese sarde e dei liberi professionisti”.

 

Confidi, in Sardegna imprese più competitive grazie a legge di riforma del sistema ultima modifica: 2015-06-17T13:23:13+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: