Confidi Systema, nel I semestre risultato positivo per 1,44 milioni

73

Confidi Systema LogoIl consiglio di amministrazione di Confidi Systema! s.c. ha approvato il bilancio al 30 giugno, chiuso con un risultato di periodo positivo pari a 1,44 milioni.

Questi i principali risultati:

  • Cresce l’attività tipica in mantenimento di equilibrio economico, patrimoniale e finanziario
  • Tcr al 22,44% in crescita di 162bp sul dato al 31.12.2018
  • I fondi propri si attestano a oltre 74 milioni in crescita di oltre 6 milioni sul dato al 31.12.2018
  • € 992,7 milioni l’outstanding dei finanziamenti garantiti


Il Total Capital Ratio è pari al 22,44% con un provisioning lordo sulle sofferenze oltre il 76,8%, quello degli Utp (Unlikely to pay) si attesta al 54,06%. La società ha deliberato nel periodo un flusso di finanziamenti pari a € 304,17 milioni, cresciuto del 16,4%, rispetto ai € 261,3 milioni dello stesso periodo del 2018. Il bilancio del primo semestre 2019 rappresenta un’azienda robusta, efficiente e attenta alle dinamiche del mercato e alle esigenze delle imprese.

Il primo semestre dell’anno, vissuto in quadro economico complessivo non certo brillante – ha affermato Alessandro Spada, presidente di Confidi Systema! – ci ha visto consolidare la nostra posizione di leader del mercato, abbiamo aumentato il sostegno alle imprese socie mantenendoci in equilibrio economico, patrimoniale e finanziario. La ratio della crescita, che ci aspettiamo sia almeno altrettanto vigorosa nel secondo semestre, è fortemente collegata all’attuazione dei principi cardine del piano strategico 2019/2021 quali: diversificazione geografica, aumento dell’intensità commerciale, sviluppo di nuove partnership e prodotti per aumentare l’offerta destinata alla nostra clientela. Crediamo che il mondo confidi possa davvero ritagliarsi una spazio importante nel ruolo di connettore tra economia reale e risparmio. Per riuscire in questo ambizioso obiettivo c’è bisogno di continuare nel processo di consolidamento del Settore, a partire dal livello della rappresentanza”.