Confidimpresa Trentino, nel 2013 offerte garanzie per 174 milioni

Confidimpresa LogoL’assemblea annuale dei soci di Confidimpresa Trentino ha approvato nei giorni scorsi il bilancio 2013, chiuso con un utile di 173.675 euro. La stessa assemblea ha poi deliberato di destinarlo per il 50% a riserva legale e la parte rimanente a riserva facoltativa.

Nell’esercizio 2013, si legge nel bilancio, l’aumento delle garanzie deliberate è stato pari al 23,17%. Nell’anno è proseguito il trend di aumento di garanzie su operazioni a breve termine e contrazione delle richieste a medio/lungo termine. Questa accentuazione è dovuta, purtroppo, alla generale tendenza del sistema a chiedere la copertura con nostre garanzie su linee di credito già in essere al solo fine di poterle mantenere. A fronte di un calo dell’8% delle garanzie ordinarie abbiamo erogato garanzie per oltre 12,8 milioni con rischio già coperto in toto da appositi fondi monetari (tranched cover e CAP BCC) confermando che la logica della copertura di un portafoglio con massimali di perdita predefiniti è percorribile e consente di modulare gli interventi in base alle risorse disponibili, inoltre chiama in causa come parte attiva la banca erogatrice.

Al 31 dicembre 2013 il confidi fa registrare quasi 174 milioni di garanzie, che assistono 390 milioni di finanziamenti. È da segnalare un calo dell’11,37% rispetto al 2012, in gran parte dovuto al rientro dei mutui a medio lungo termine.

Nel corso del 2013 il Consiglio di Amministrazione ha deliberato l’ammissione di 222 (151 nel 2012) nuovi soci e la cancellazione, così come previsto dallo statuto, di 190 soci (273 nel 2012) molti dei quali avevano già cessato l’attività da tempo ma la posizione era rimasta aperta a causa delle protratte procedure fallimentari o di recupero del credito. Rispetto all’anno precedente si è registrato un incremento dei soci attivi pari al 0,81%.

Consulta il bilancio

Confidimpresa Trentino, nel 2013 offerte garanzie per 174 milioni ultima modifica: 2014-05-21T11:03:46+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: