Confidimprese Fvg e Confidi Artigiani e Pmi di Trieste, al via la fusione dal primo gennaio 2015

Confidimprese Fvg LogoA partire dal primo gennaio 2015 Confidimprese Fvg e Confidi Artigiani e Pmi di Trieste si fonderanno per dar vita a un unico soggetto, che annovererà 12.500 imprese socie per un volume di affidamenti garantiti superiore ai 340 milioni di euro. Tra il 30 settembre e il 13 ottobre, informa IlFriuli.it, si terranno le assemblee straordinarie dei due enti che sanciranno il definitivo via libera all’operazione.

La fusione, aggiunge il giornale, segue quella operata alcuni anni fa tra Pordenone e Udine, con l’obiettivo di semplificare il numero degli operatori – come richiesto anche più volte dalla Regione – e migliorare sempre di più la qualità dei servizi offerti alla imprese socie.

“Le nostre imprese non guardano certamente a battaglie dell’altro secolo – ha sottolineato secondo il quotidiano, Roberto Vicentini, presidente di Confidimprese Fvg – ma ci chiedono di fornire servizi efficienti e ci misurano sul grado di risposte che siamo in grado di dare, non sulla base della Provincia di residenza”.

“Ormai – ha aggiunto Dario Bruni, numero uno di Confidi Artigiani e Pmi di Trieste – viviamo in tempi di continui cambiamenti: non era possibile restare statici. Abbiamo valutato con grande attenzione questo passaggio e ritenuto giusto diventare protagonisti attivi del cambiamento, non subirlo. Da gennaio anche la provincia di Trieste potrà contare sulla presenza di un Confidi vigilato che offre garanzie ‘pesanti’ alle banche”.

Il nuovo confidi avrà sedi nei capoluoghi di Pordenone, Trieste e Udine, per mantenere e assicurare quel radicamento territoriale che rappresenta da sempre uno dei principali punti di forza di un Confidi. Il consorzio è convenzionato con tutte le banche operanti in regione e garantisce tutte le linee di credito.

“Sono questi i momenti che danno un senso al lavoro di anni – ha dichiarato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello – e ai due confidi va il mio più sincero ringraziamento per il lavoro svolto. Sin dal giorno del mio insediamento ho sottolineato come il sistema Confidi sia realmente indispensabile all’economia di questa Regione. Lo ha dimostrato in questi anni così difficili e potrà farlo ancora di più in futuro se saprà proseguire in azioni come quella che oggi porta a compimento. E cioè una capacità di guardare più lontano unendo strumenti e pesi oltre a una capacità di discernere all’interno delle Pmi. Oggi il sistema dei Confidi è quanto di più veloce ci possa essere dal punto di vista dell’ottenimento delle garanzie: nel senso che tiene assieme l’impresa più strutturata con quella meno, dando una possibilità a tutti di riuscire ad ottenere un po’ più di credito. Al di là di ogni parola, la realtà dice che il mondo artigiano lancia, oggi, un messaggio chiaro, preciso e positivo a tutto il sistema Confidi e alle imprese dalla nostra regione”.

Confidimprese Fvg e Confidi Artigiani e Pmi di Trieste, al via la fusione dal primo gennaio 2015 ultima modifica: 2014-09-15T11:34:51+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: