Confinvest: Roberto Spada presidente. Nominati 5 nuovi consiglieri

L’assemblea ordinaria degli azionisti di Confinvest (Cfv:Im), market dealer di oro fisico da investimento, pmi innovativa quotata su Euronext Growth Milan e fondata nel 1983, ha nominato ieri 5 nuovi consiglieri, che resteranno in carica fino al 31 dicembre 2022.

 Sono stati nominati:

  • Roberto Spada, Giulio Filippo Bolaffi e Simone Manenti, candidati da Bolaffi S.p.a., titolare di n. 1.281.000 azioni ordinarie, pari al 18,25% del capitale sociale;
  • Paola La Manna, candidata da Roberto Binetti, titolare di n. 447.893 azioni ordinarie, pari al 6,38% del capitale sociale;
  • Alessandra Gavirati, candidata da Double Eagle S.r.l., titolare di n. 9.000 azioni ordinarie, pari allo 0,13% del capitale sociale.

L’amministratore Roberto Spada è stato nominato presidente del consiglio di amministrazione.

L’Euronext Growth Advisor ha verificato la sussistenza dei requisiti di indipendenza previsti dall’art. 147-ter, comma 4, TUF in capo agli amministratori Roberto Spada, Paola La Manna e Alessandra Gavirati. L’assemblea ha approvato la proposta avanzata dal socio Bolaffi di esonero degli amministratori Giulio Filippo Bolaffi e Simone Manenti dagli obblighi di non concorrenza di cui all’art. 2390, cod. civ. – si legge in un comunicato stampa -. Sulla base delle informazioni detenute dalla società, gli amministratori di nuova nomina non risultano possedere azioni ordinarie della società”.

A seguito delle nomine, il consiglio di amministrazione risulta composto da 8 membri:

  • Roberto Spada, presidente e consigliere indipendente,
  • Roberto Binetti, consigliere,
  • Franco Buganè, consigliere,
  • Gabriella Villa, consigliere,
  • Giulio Filippo Bolaffi, consigliere,
  • Simone Manenti, consigliere,
  • Paola La Manna, consigliere indipendente,
  • Alessandra Gavirati, consigliere indipendente.

L’assemblea ha altresì confermato il compenso complessivo del consiglio di amministrazione, pari a 310.000 euro, con facoltà dell’organo amministrativo di determinare, nell’ambito di detto ammontare, la remunerazione spettante a ciascun amministratore anche in considerazione di eventuali cariche rivestite.