Continuano ad aumentare i costi sulle carte di credito, nonostante il Card Act del 2009

Nel tentativo di limitare i costi eccessivi sulle carte di credito, il Congresso aveva approvato nel 2009 un Card Act, entrato in vigore nel 2010, che però non sembra, ad oggi, aver fermato le banche e le istituzioni finanziarie a continuare ad aumentare i propri costi.

L’Act stabilisce che le società emettitrici di carte di credito debbano avvisare i clienti di eventuali rialzi dei tassi almeno 45 giorni prima e che debbano fornire sempre la motivazione. Inoltre si impongono delle restrizioni a tutti coloro che chiedono una carta e hanno meno di 21 anni.

Sul mercato è però emerso che, nonostante l’Act, le banche continuano ad alzare i costi. Infatti, ad eccezione di JPMorgan Chase e Discover, le altre maggiori banche sembrano aver rivisto i loro costi al rialzo.

Continuano ad aumentare i costi sulle carte di credito, nonostante il Card Act del 2009 ultima modifica: 2010-10-03T17:17:10+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: