Conto corrente, Ing Direct: solo metà degli italiani ne conosce i costi

Solo un italiano su due conosce il costo del proprio conto corrente e il 21% è al corrente dell’Isc, l’Indicatore sintetico di costo, che accorpa le spese relative ad un prodotto finanziario. È quanto emerge da uno studio commissionato da ING Direct a GFK Eurisko.

Il costo medio e la scelta della banca
Secondo i dati riportati dall’Osservatorio su Risparmio e Famiglie, interrogati sul costo del proprio conto bancario, il 50% degli italiani dichiara di conoscere il costo annuo, dichiarato attorno ai 48 euro, mentre il restante 50% non sa indicarlo. Un dato bizzarro poiché l’indagine, condotta su un campione di 1.000 individui rappresentativi della popolazione bancarizzata italiana, evidenzia come nella scelta dell’istituto bancario cui affidare il proprio denaro, oltre all’importanza attribuita all’affidabilità della banca (rilevante per il 74% degli intervistati), riveste un ruolo fondamentale l’assenza di commissioni o le commissioni basse (73%), unitamente al buon rapporto qualità prezzo e alla notorietà della banca. Nella scelta risultano fondamentali anche la semplicità dei prodotti offerti, la comodità nel raggiungere la banca qualora si tratti di banca con filiali e l’esistenza di servizi di gestione a distanza.

La conoscenza dell’Isc e il suo valore medio
Solo 21% del campione ha dichiarato di essere almeno a conoscenza dell’Indicatore sintetico di costo del conto corrente, il misuratore ufficiale previsto da Banca d’Italia e reso obbligatorio per le banche dallo scorso maggio. Il costo medio di un conto corrente risulta in realtà essere pari almeno a 253 euro secondo la Commissione Europea, mentre l’Abi lo valuta pari a 107 euro. “È lecito dedurre o che il percepito è inferiore al reale costo, oppure che sono proprio coloro che non hanno idea dei costi del conto corrente a subire i prezzi più elevati” conclude l’analisi di GFK Eurisko.

Conto corrente, Ing Direct: solo metà degli italiani ne conosce i costi ultima modifica: 2010-09-13T07:00:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: